Vi avevamo anticipato dei progetti in cantiere di Royal Enfield per una scrambler da 650 cc. Dalla Casa indiana non sono però ancora mai filtrate novità sull'argomento. A rompere gli indugi ci ha pensato la filiale lettone del Marchio, che ha dato vita alla Royal Enfield Interceptor MCH.

In pratica, Royal Enfield Lettonia ha commissionato all'officina custom Moto Classic House (MCH, appunto), anch'essa lettone, di reinterpretare in stile scrambler l'Interceptor 650: una revisione comunque ragionevole e non troppo selvaggia, in modo da mantenere i costi.

SCARICO A DOPPIO TUBO

Il primo elemento meccanico che salta all'occhio è il nuovo doppio scarico in posizione rialzata montato sul modello, esempio della configurazione moderna delle scrambler. Il nuovo scarico, a firma del marchio Zard, pare abbia permesso di risparmiare 12 kg di peso. MCH ha tuttavia rielaborato la centralina per permettere una miglior gestione dell'aria da parte del motore.

Maxi richiamo Royal Enfield: 15.200 moto per problema ai freni

IL LAVORO DI MCH

Per coloro che vorranno testare la moto sui terreni accidentati, MCH ha inserito una piastra anti-scivolo tra i tubi della forcella anteriore, per motivi di sicurezza. E anche il fanale riceve una protezione apposita. Disponibile anche un piccolo portapacchi e un set di pneumatici tassellati Michelin Anakee. Il bicilindrico parallelo 4 tempi da 650 cc ottiene, grazie al lavodo di MCH, un'implementazione di potenza.

Royal Enfield Classic giù da una rampa: che disastro! VIDEO

Per adesso, Royal Enfield Interceptor MCH sarà disponile solo in Lettonia, e solo in 10 esemplari. Un'edizione limitata che probabilmente non conoscerà la produzione di massa: difficilmente infatti dalla Casa madre indiana si lasciano attrarre dalle personalizzazioni custom delle filiali sparse per il pianeta. Di certo, la scrambler lettone potrà dare nuove idee per la realizzazione della vera 650 Royal Enfield.