Se tra Dubai e Abu Dhabi ci sono centinaia di moto abbandonate nel deserto, lasciate lì a deteriorarsi sotto il sole cocente senza nessuno che le reclami, non è da meno Mumbai, in India, dove le moto non più utilizzate finiscono per marcire all’interno del parcheggio della stazione di polizia di Andheri, nella zona occidentale della città, o in altri depositi sparsi per la città.

Un colpo al cuore per gli appassionati

L'India è uno dei più grandi mercati per le due ruote ed è quindi naturale immaginare una quantità spropositata di motociclette in giro per il paese. È un po’ meno facile, invece, pensare a centinaia e centinaia di supersportive lasciate lungo il ciglio della strada a deteriorarsi sotto i colpi inesorabili del tempo.

Un vero cimitero di moto a cielo aperto, quello di Mumbai, dove si possono trovare con un po’ di fortuna pezzi pregiati come Yamaha R1, Suzuki GSXR1000, Suzuki Hayabusa – le cui 101 unità dell’ultima versione destinate al mercato indiano sono andate esaurite in appena 24 ore- , Yamaha FZ-1, Honda Hornet o addirittura moto in limited edition come Honda CBR600RR con livrea Hannspree e Konica Minolta.

Un vero colpo al cuore per molti appassionati di due ruote, che impotenti di fronte a questa ecatombe non possono far altro che tenersi il magone…

Un "cimitero" di oltre 100 motociclette messo in vendita