Il 2021 è stato l’anno in cui la Casa di Iwata ha definitivamente sospeso la produzione della R6 in versione omologata, sostituita dalla versione dedicata esclusivamente alla pista: la Yamaha R6 RACE.

Con lei, di cui avevamo già ampiamente parlato tempo fa (leggi qua le caratteristiche del nuovo modello R6 RACE), la Casa nipponica ha pensato bene di far uscire anche un kit esclusivamente dedicato alle gare e sviluppato dal reparto GYTR (Racing Genuine Yamaha Technology Racing), la divisione Yamaha che produce parti speciali per R1, R6, R3 e per il comparto off road.

Rewind, Yamaha YZF-R6 '99: la media senza mezze misure

Tutte le parti presenti nel kit racing

Pronto per fa per bruciare alla sportiva i semafori in griglia con una serie di accessori che ne migliorano le prestazioni in un esclusivo assetto completo da gara, il pacchetto GYTR destinato alla Yamaha R6 prevede: cablaggio racing e ECU programmabile, sistema di aspirazione Air intake System, scarico da gara Akrapovic interamente in titanio, set cupolino da gara, interruttore on/off, cavo interfaccia, set di tappi AIS, emulatore ABS, tappo carburante senza chiave, cuscini sella, cavalletto paddock, tubi freno in acciaio inossidabile per anteriore e posteriore, protezione leva del freno anteriore, catena DID Gold Race 520 e protezione pignone posteriore (pinna di squalo), azionamento pignone 14T, pignone posteriore 45 e set dadi pignone adatti per catena 520.

Insomma, una vasta serie di componenti disponibile per chiunque desideri potenziare la propria moto e renderla ancora più aggressiva e prestazionale tra i cordoli di una pista.

Yamaha rivede il piano ambientale: stop a mezzi inquinanti entro il 2050