La crescita dei produttori di moto cinesi è sotto gli occhi di tutti, impossibile dire il contrario. Tra questi c’è anche Zeths, azienda fondata nel 2013, che oggi più che mai mira a sviluppare diversi tipi di veicoli di fascia alta, tra cui spiccano moto EV, piccole custom e anche moto sportive da strada.

Tuttavia, nell’ultimo periodo, l’impegno della Casa cinese si è focalizzato principalmente sullo sviluppo di un motore bicilindrico a V di 60° con raffreddamento a liquido: lo ZT 1000.

Mercato moto: quel ruggito delle tigri asiatiche

Zeths sfida le rivali

Secondo quanto giunto fino a noi dalla Cina e riportato dal sito Sunnews.cc, il nuovo propulsore di Zeths si presenta con un peso di 93 kg, distribuzione bialbero, un albero di equilibratura incorporato – per eliminare fastidiosi rumori e i problemi di vibrazione -, potenza di 82 cv a 8.000 giri/min e una coppia di 90 Nm a 5.500 giri/min.

Non certo un motore da pelle d’oca. Tuttavia, lo ZT 1000 si fregia lo stesso del titolo di primo motore bicilindrico a V con una cilindrata di 1000 cc dell’intera industria motociclistica cinese e, secondo le indiscrezioni, verrà montato quasi sicuramente su alcuni futuri modelli cruiser del Marchio.

Insomma, la rivoluzione cinese è iniziata e con questo nuovo motore Zeths è forse pronta a lanciare la sfida a CFMoto, Zontes, Benda, Zongshen e le altre tigri asiatiche.

Benda LFC7000: presentato il futuristico modello cruiser cinese