Martedì 27 aprile le agenzie di assicurazione rimarranno chiuse in seguito a uno sciopero dichiarato dal SNA (Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione) in protesta contro l'IVASS, l'Istituto di Vigilanza sulleAssicurazioni per tutta una serie di normative che aumenteranno a dismisura la burocrazia.

RC Moto, calano i prezzi delle assicurazioni: l'analisi

LE MOTIVAZIONI DELLO SCIOPERO

Il SNA ha indetto lo sciopero nazionale a causa dei provvedimenti dell'IVASS, che sommergerà le agenzie di carte burocratiche ritenute inutili e dannose, oltre a rappresentare uno svantaggio in termini di costi e di tempo per gli intermediari assicurativi professionisti. Nello specifico, le assicurazioni tuonano contro l'imposizione dell'IVASS agli agenti di comunicare obbligatoriamente alle rispettive mandanti delle eventuali collaborazioni intrattenuti con altri intermediari iscritti al RUI (Registro Unico degli Intermediari). Il tutto andrebbe a discapito della libertà professionale degli agenti assicurativi, ma anche del consumatore finale, che si troverebbe in difficoltà a trovare alternative commerciali vantaggiose nelle proprie agenzie di fiducia.

"SEMPLIFICAZIONE BUROCRATICA"

Sull'argomento si è espresso Sauro Vincenzi, presidente del SNA della provincia di Ravenna: "La posizione del nostro Sindacato è molto chiara: siamo per la semplificazione burocratica e per il principio di proporzionalità che dovrebbero ispirare l'introduzione di qualunque norma riguardante la sottoscrizione dei contratti assicurativi. L'Istituto di Vigilanza si è però chiuso a riccio, rifiutando persino di rinviare l'entrata in vigore delle nuove regole fino al pronunciamento del Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio sul nostro ricorso".

Circolare senza assicurazione: multe salate con le telecamere