Bmw Motorrad ha presentato un brevetto per stimolare la concentrazione del pilota attraverso l’elettrostimolazione. Un metodo alternativo per mantenere l’attenzione alta e assistere i motociclisti in sella.

Serve un pilota reattivo

Già il produttore tedesco ha studiato un sistema di sensori in grado di effettuare calcoli istantanei da trasmettere alla centralina elettronica per prevenire e scongiurare incidenti, ma la questione è la capacità di riflessi del pilota: se non mantiene un’alta soglia di attenzione, le informazioni della centralina servono a poco. L’abbigliamento concepito da Bmw punta a risolvere proprio questa latenza.

Scosse elettriche

Il dispositivo è pensato per dare leggere scosse elettriche al motociclista sui muscoli del busto e dell’addome. Grazie a questa tensione l’abbigliamento eviterebbe possibili disarcionamenti del pilota o conseguenze peggiori in caso di attivazione dei sistemi di sicurezza del mezzo. Il principio è quello della chirurgia estetica non invasiva, che stimola i nervi per far loro contrarre i muscoli. Bmw sta cercando un modo per rendere più efficace questa metolodogia, con un contatto più diretto con la pelle del centauro: intimo tecnico, tute in pelle, collegamenti wireless al sistema di sicurezza della moto.

L'importanza del fattore umano

Secondo Bmw, gli attuali sistemi di sicurezza e guida semi-autonoma sono limitati dal fattore umano: è l’uomo che deve reagire agli impulsi attraverso i riflessi, ma questo non è controllabile elettronicamente. La frenata d’emergenza, ad esempio, può fare più danni dell’incidente se chi guida non è in grado di reagire; fornirgli uno stimolo elettrico, pensano a Monaco di Baviera, può essere una soluzione. Forse un po’ distopica, ma potrebbe essere il nostro futuro.   

Top5, usato: moto che cresceranno di valore nei prossimi anni (in aggiornamento)