Dopo che diversi grandi nomi del settore automotive – Honda, KTM, Yamaha e Piaggio – hanno dato il via al primo Consorzio per le Batterie Intercambiabili, accordo strategico che potrebbe rivelarsi davvero fondamentale per le successive generazioni di moto elettriche, ecco che gli stessi hanno raggiunto un nuovo accordo per favorire la condivisione e l’utilizzo di motocicli elettrici in Giappone.

Consorzio delle Batterie Intercambiabili: è una rivoluzione giusta?

SENSIBILIZZARE IL SOL LEVANTE

Stando a quanto riferito anche dalla stessa Honda, l’obiettivo ora è di far crescere il mercato dei motocicli elettrici nel paese del Sol Levante. Il Consorzio, infatti, supporta da più di un anno il progetto “e-Yan OSAKA”, sviluppato dal Comitato Motociclistico della JAMA - di cui fanno parte Honda, Kawasaki, Suzuki e Yamaha -, la Prefettura e l’Università di Osaka. Progetto che ha come proposito quello di sensibilizzare l’utilizzo di motocicli elettrici ecosostenibili.

Sono grato a tutti gli associati del Consorzio e della JASO per la loro comprensione e il loro supporto”, ha dichiarato Noriaki Abe, Segretario rappresentativo del Consorzio e Direttore Generale Divisione Moto di Honda. “Continueremo a collaborare per costruire un sistema che permetta l’utilizzo condiviso di batterie tra i Produttori, d’accordo con gli obiettivi del Consorzio, mantenendo al contempo la competizione volta alla produzione di veicoli belli, accattivanti e che soddisfino le esigenze dei consumatori”.

Triumph TE-1: produzione vicina per l'elettrica inglese