Yamaha sembra davvero intenzionata a puntare sulla mobilità urbana in elettrico. È notizia recente, infatti, la registrazione da parte della Casa di Iwata presso l’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO) di un nome che aveva già utilizzato in precedenza per indicare il concept di uno scooter elettrico: l’E01.

Faccia a Faccia: Yamaha MT-07 Vs Triumph Trident 660

UGUALE NEL DESIGN

Quando alcuni anni fa era stato presentato al Tokyo Motor Show come un concept scooter che sarebbe stato in grado di promettere praticità e guida di qualità superiore rispetto quella offerta degli scooter convenzionali, l’E01 non aveva però brillato in quanto a design. Eppure, ecco che a distanza di pochi anni Yamaha ha rinvigorito l’ipotesi di un suo debutto sul mercato, depositando il suo nome sotto la dicitura “motocicli elettrici e loro parti e accessori” e senza neanche troppo discostarsi dalle linee che aveva già presentato.

Secondo le immagini trapelate, infatti, il nuovo scooter elettrico firmato Yamaha non è poi così diverso da quello già visto nel 2019 in Giappone. Il gruppo ottico anteriore, i piccoli specchietti retrovisori e la particolare pinna posteriore a ridosso del pneumatico sembrerebbero ancora in linea con quelli già osservati.

MOTORE COME UN 125 CC?

L’incognita resta, però, ancora sulla potenza. Quando vennero tolti i veli al concept E01 di Tokyo, Yamaha dichiarò solamente la presenza di un pacco batterie agli ioni di litio e un motore brushless CC raffreddato ad aria con una potenza paragonabile a quella di un motore da 125 cc.

Zeeho Cyber, debutta in Cina lo scooter elettrico di CF Moto