L’eccellenza e il valore italiano in casa Ducati non si osservano solamente nei motori performanti e ruggenti che continuano ad uscire dai cancelli di Borgo Panigale, ma anche nella qualità di vita che l’azienda continua ad offrire ai propri dipendenti.

La Casa motociclistica bolognese, infatti, è stata riconosciuta come “Top Employer Italia”, confermando le ottime condizioni di lavoro per i dipendenti nonostante la difficile sfida imposta dalla pandemia.

Ducati Monster da leggenda: consegnato il numero 350.000

RAGGIUNTI ELEVATI STANDARD IN HR

La certificazione – rilasciata in Ducati per il settimo anno consecutivo – viene direttamente assegnata dal Top Employers Institute e segna un importante traguardo per molte aziende, non solo nel settore motociclistico. Il riconoscimento, infatti, viene assegnato a tutte quelle società capaci di eccellere nelle politiche e nelle strategie HR, così da contribuire al benessere delle persone e migliorare l’ambiente e il mondo del lavoro.

La certificazione viene rilasciata alle aziende che raggiungono e soddisfano gli elevati standard richiesti dalla HR Best Practices Survey:

Siamo soddisfatti di ricevere per il settimo anno consecutivo questa importante certificazione, soprattutto quest’anno che ci vede affrontare una delle sfide più grandi e globali come la pandemia Covid-19", ha dichiarato Sebastian Patta, Direttore Risorse Umane Ducati. “Come azienda crediamo che la persona debba sempre essere al centro dei nostri interessi. Abbiamo dato priorità all’implementazione delle misure di protezione, garantito la sicurezza negli spazi aziendali e la disponibilità di nuove modalità di lavoro, come lo smart working […]. Il ringraziamento va alle donne e agli uomini di Ducati che quotidianamente lavorano unite e con passione per il successo dell’Azienda.”

Ducati: la nuova SuperSport 950 in concessionaria a febbraio