Con i suoi 555 partecipanti, 7.646 km di strada e 321 veicoli è ufficialmente iniziata lo scorso 3 gennaio la Dakar 2021. Tuttavia, anche per una delle competizioni più ardue e imprevedibili del pianeta è arrivato un punto di svolta davvero importante, che speriamo riesca a garantire la protezione dei suoi partecipanti, o almeno di quelli in sella alle due ruote.

Nell’edizione 2021, infatti, è scattato l’obbligo dell’airbag di sicurezza per tutti i piloti di moto e quad. Una sfida ardua, che Helite – società italiana che dal 2003 si occupa di sistemi airbag per la protezione di riders e non solo – ha saputo cogliere, realizzando e fornendo un nuovo sistema di sicurezza composto ad hoc per l’offroad e in grado di azionarsi in 50 millisecondi.

Sicurezza in moto, arriva la detrazione per l'acquisto di airbag

UN SISTEMA UNICO PER UNA GARA UNICA

C'è chi partecipa in auto, chi in camion, ma non c'è dubbio che per i motociclisti ci sia un fascino tutto particolare nel percorrere ad elevata velocità le dune sabbiose della Dakar. Ancora di più se pensiamo che questo fascino viene dettato anche dall’elevato pericolo nell’affrontare una gara così difficoltosa solamente in sella alla propria motocicletta. Eppure, proprio per garantire la sicurezza dei sui partecipanti, l’organizzazione della Dakar ha deciso di rendere obbligatorio – per chi guida moto o quad – il dispositivo airbag.

Tra i tanti modelli disponibili, l’Airbag Off Road Dakar proposto da Helite è stato quello più scelto dai partecipanti. Infatti, circa la metà dei piloti di moto e quad iscritti quest'anno ha deciso di indossare il sistema confezionato dalla società italiana.

L'intero apparato - abbinato alle protezioni rigide UFO posizionate all'esterno - è composto da uno specifico sistema in grado di elaborare una distinzione tra i normali movimenti del pilota e quelli che, invece, potrebbero derivare da un incidente o una caduta. Tutto questo è stato possibile, infatti, grazie all’accelerometro, al giroscopio e al sistema GPS di cui è dotato l’airbag Helite che gli permettono di gonfiarsi in 50 millisecondi, andando a preservare l’integrità del pilota grazie ai 18 litri di volume.

Una scelta obbligata, dunque, ma che quasi sicuramente sarà in grado di proteggere i piloti più spericolati della Dakar 2021.

Fantic: omologazione Euro 5 per Enduro, Motard e Trail