Yamaha è già pronta ad affrontare il 2021, soprattutto grazie all’aggressività del suo comparto naked. Se, infatti, ha già aggiornato la MT-09 con un restyling del motore – con cilindrata maggiorata per soddisfare le normative Euro5 – e la sorella minore MT-07 - ora completamente rivista nel look e nelle prestazioni -, ecco che anche la XSR900 è pronta a fare un balzo nel 2021 grazie ad alcune migliorie che le promettono di lasciare intatto il suo spirito moderno e allo stesso tempo retrò, anche se sorgono dei dubbi sul suo aggiornamento in fatto di emissioni.

Le naked più interessanti da tenere sott'occhio nel 2021

BORN TO RIDE, MA SARÀ EURO 5 PER L’EUROPA?

Come successo per la MT-09 2021, anche la XSR900 è pronta a scendere in strada con alcune nuove implementazioni rispetto al precedente modello. Tuttavia, la versione 2021 – spinta dal medesimo tre cilindri CP3 – non verrà al momento supportata dagli aggiornamenti Euro5 visti sull’altro modello della Casa di Iwata, almeno per quanto riguarda i mercati europei.

Infatti, come riportato anche dalla stessa Yamaha - la nuova Sport Heritage sotto la sua scocca nuda e aggressiva monta un motore compatto Crossplane Crankshaft Concept da 847 cc raffreddato a liquido, con 3 cilindri in linea e 4 valvole per cilindro, ma non aggiornato alle nuove normative. E questo ne fa una delle poche motociclette della Casa a non essere conforme in fatto di emissioni inquinanti.

Tuttavia, per ovviare al problema dell’omologazione - visto che a partire dal prossimo 1° gennaio 2021 tutti i costruttori del comparto moto non avranno più la possibilità di omologare una due ruote in base alle vecchie normative Euro 4 – Yamaha ha pensato bene di rendere disponibile sul mercato la nuova XSR900 non omologata già a partire da questi ultimi giorni di dicembre solamente per il mercato statunitense.

Con questa mossa si evince, dunque, che la due ruote nipponica aggiornata – si fa per dire - al 2021 abbia tutta l’intenzione di voler lasciare intatte quelle prestazioni autentiche a cui aveva abituato in passato i suoi possessori e che la rendevano in grado di coniugare la tecnologia dei suoi tre cilindri, con lo stile neo-retrò e le geometrie da vera sportiva senza per questo piegarsi alla svolta Euro 5.

Euro 4: le moto in stock potranno essere vendute anche nel 2021