BSA sta per tornare. É quanto affermano i media britannici. Il marchio britannico, nato nel 1919 e poi fallito per bancarotta nel 1972, è destinato a tornare alla ribalta grazie al proprietario di Mahindra, che sta pianificando di far costruire le nuove motociclette a partire dal prossimo anno nel Regno Unito.

Mahindra acquista Peugeot Motocycles

RINASCITA A ZERO EMISSIONI

Anand Mahindra, presidente dell'omonimo gruppo automobilistico, è il principale sostenitore del progetto di rinascita di BSA: le moto del marchio torneranno però sotto forma di modelli elettrici. La produzione partirà a inizio 2021 e si vocifera che la nuova sede sarà vicino a quella originaria di Small Heath, vicino Birmingham, mentre invece a Banbury verrà realizzato un polo di ricerca dedicato esclusivamente all'alimentazione elettrica che attende le nuove moto.

IL SOSTEGNO DEL GOVERNO BRITANNICO

Il governo del Regno Unito ha già approvato il piano rinascita BSA, stanziando ben 4,6 milioni di sterline per aiutare a...mettere in moto il progetto, che pare possa creare circa 255 nuovi posti di lavoro, notizia non trascurabile in tempo di Covid.

La BSA Rocket III di James Bond all'asta

Anand Mahindra ha anche dichiarato con orgoglio al quotidiano The Guardian che "Il Regno Unito è stato leader nelle moto fin dall'inizio, la provenienza è qualcosa che vogliamo mantenere fortemente". BSA, secondo quanto progettato, prevederà anche la realizzazione di motociclette a benzina, sebbene l'elettrico avrà la priorità. I prezzi si aggireranno tra le 5.000 e le 10.000 sterline.