Quale motociclista non ha mai sognato di vedere, lungo le autostrade, aree di servizio riservate alla categoria? In Francia, l’operatore APRR (la Autoroutes Paris-Rhin-Rhône) ha deciso di pensare anche al popolo delle due ruote, attrezzando i punti ristoro con armadietti portabagagli e addirittura sale riscaldate, ma anche locker per caschi e attrezzatura specifica. Un’accortezza per la quale dovremmo aspettare ancora molto (chissà quanto) in Italia.

Tre ruote "ok" in autostrada, ma le moto elettriche?

La difficile situazione delle autostrade italiane

Nel nostro Paese, infatti, la rete autostradale non se la passa affatto bene: oltre ai problemi burocratici e di transizione, c’è da aggiungere uno stato non troppo positivo del manto stradale. Sarebbe opportuno intervenire con ampie opere di manutenzione, basi necessarie affinché possano poi vedere la luce progetti come quello riservato ai motociclisti in Francia. Il gestore APRR ha dato vita, in collaborazione con Dafy, a vere e proprie aree di ristoro ad hoc. Non solo aree per la manutenzione ordinaria della moto o l’acquisto di accessori, ma anche comfort ulteriori, come armadietti e sale riscaldate. Prendi un giorno di pioggia: lungo l’autostrada hai un rifugio in cui poterti riparare e rifocillare. Attualmente le aree di servizio attrezzate per motociclisti sono tre, lungo le autostrade francesi A6 e A43, ma entro poco tempo saranno aperti altri otto spazi.

Carabinieri motociclisti: sacrificio e passione al servizio dei cittadini