Credeva di averla fatta franca ma gli è andata male. Lo scenario è piazzale Roma, a Piacenza: un incidente tra un’automobile e una motocicletta. Il conducente della vettura ha ignorato un obbligo di precedenza e ha investito una due ruote. Il motociclista è caduto riportando delle lesioni lievi, mentre l’automobilista ha riportato solo danni al veicolo, pensando quindi di scappare senza prestare soccorso al ferito.

TESTIMONE E TELECAMERE

L’incidente non è sfuggito, però, a un testimone – che è riuscito a notare una parte della targa dell’auto – e alle telecamere di videosorveglianza poste nei dintorni. La Polizia Locale di Piacenza non ha impiegato molto a identificare il conducente dell’auto e a rintracciarlo: si tratta di un 45enne residente a Fidenza (PR), da come è riportato sul sito del Comune di Piacenza. I Carabinieri di Fidenza hanno raggiunto il colpevole, lo hanno sanzionato per mancata precedenza alla rotatoria e gli hanno ritirato la patente di guida. Il peggio, però, è che l’uomo rischia una condanna penale fino a tre anni di reclusione per reato di omissione di soccorso e la sospensione da uno a tre anni della patente.

Svizzera, beccato dall'Autovelox: gli lancia una molotov

ELOGIO AGLI AGENTI

Parole di elogio per le forze dell’ordine da parte dell’assessore alla sicurezza urbana Luca Zandonella: “Voglio innanzitutto ringraziare gli agenti della Polizia Locale e i Carabinieri di Fidenza per il preciso e tempestivo lavoro di indagine svolto, a conferma dell’impegno e della professionalità che ne caratterizzano la quotidiana attività. Ancora una volta la nostra Polizia Locale si distingue in positivo per l’opera che svolge ogni giorno a favore dell’intera collettività cittadina. Nell’occasione, a giocare un ruolo fondamentale per l’individuazione del responsabile dell’incidente, sono stati la testimonianza di un cittadino – che ringrazio per il senso civico dimostrato – e il sistema di telecamere di videosorveglianza attivato dall’Amministrazione comunale, che ha garantito il necessario supporto tecnologico per l’identificazione dell’autore del reato. L’episodio dimostra, ancora una volta, l’importanza di investire risorse nella videosorveglianza, più telecamere sul territorio infatti consentono di risalire più facilmente ai responsabili dei fatti delittuosi, di varia natura, che purtroppo hanno luogo nella nostra città”.

Multe da Guinness: quando la passione supera i limiti (di legge)