La milanese Milestone, artefice del videogioco ufficiale MotoGP, MXGP e Mondiale Superbike, ha annunciato la data del lancio di RIDE 4 : 8 ottobre 2020, per le piattaforme PlayStation4, Xbox One e Windows PC. Per il nuovo titolo, la software house ha inoltre ufficializzato la collaborazione con Yamaha.

RIDE rappresenta uno dei videogame motociclistici più sofisticati e giocati di sempre, con oltre 1,5 milioni di utenti. La partnership con Yamaha inizia già con la copertina di RIDE 4, dove sarà protagonista R1, ma non si ferma qua. Nel gioco tutte le moto, compresa quelle Yamaha, sono state create con scansioni CAD e 3D di modelli reali per garantire la replica esatta di ogni dettaglio. E la Casa di Iwata ha lavorato con Milestone per dare un feedback dettagliato e migliorare il realismo generale, dando vita ad alcuni dei modelli Supersport più iconici del Marchio.

In RIDE 4 viene introdotta la modalità Carriera, con i giocatori che possono scegliere il proprio percorso di gara, ed Endurance, che simula completamente l'esperienza della corsa, al punto che Milestone ha inserito elementi come l'illuminazione dinamica e il meteo, pit stop e gestione di carburante e pneumatici.

Dirt Bike Unchained, il motocross corre sullo smartphone

MOTO, PASSIONE CONDIVISA

"Le corse e l'adrenalina fanno parte del DNA Yamaha fin dalla sua fondazione, 65 anni fa - afferma Paolo Pavesio, Direttore Marketing e Motorsport del Marchio -. Per questo è stato quasi naturale collaborare con Milestone, uno dei più grandi nomi dell'industria globale dei videogame basati sul motociclismo.

Rewind,Yamaha YZF-R7: libidine da SBK

"Ci impegniamo per offrire entusiasmo ed emozioni ai nostri clienti e a tutti gli appassionati di moto, cercando di essere sempre vicini a tutto quello che li fa 'salire di giri'. Con Milestone e RIDE 4 reinventiamo anche il nostro approccio, raggiungendo nuovi fan che hanno una passione condivisa per le moto, sia nel mondo virtuale sia in quello fisico. L'amore per le moto ci accomuna e siamo felici di accogliere questi motociclisti nella nostra famiglia".