Dopo aver recentemente svelato in streaming la sua ultima novità, l’eQooder elettrico, la Casa svizzera ha prorogato di tre mesi i le scadenze per i tagliandi in officina. Una decisione scaturita dall’emergenza Coronavirus, che ha di fatto bloccato tutte le attività e gli spostamenti, impedendo quindi anche ai possessori di Qooder sia di utilizzarlo sia di recarsi in officina per i relativi tagliandi.

Un’iniziativa per tutta la gamma

L’iniziativa vale per tutti i mercati europei e per tutta la gamma, dal Qooder, al QV3, fino all’Oxygen. 

Dal punto di vista tecnico è prevista una proroga di 90 giorni per tutti gli interventi programmati tra il 1° marzo e il 31 maggio per la scadenza annuale dei tagliandi, con un massimo di 1.000 km in più rispetto agli intervalli di manutenzione chilometrica (per esempio: il tagliando dei 5.000 km è possibile effettuarlo fino al raggiungimento dei 6.000 km).

Qooder precisa che non viene invece estesa la garanzia, che rimane a 24 mesi dall’immatricolazione: per cui se la garanzia dovesse scadere in questo periodo, la proroga di cui sopra non modificherà tale scadenza.

La garanzia però non decade e rimane comunque fissata nei tempi prestabiliti se in questo periodo clienti non rispettano i corretti intervalli di manutenzione.

Esclusivo, Capirossi: ‘Ecco la mia super Vespa 50 Special’