Qualche settimana fa vi abbiamo parlato dei continui sviluppi della tecnologia Intelligent Emergency Call di BMW. In linea con il Marchio bavarese, c’è Yamaha che ha appena depositato un brevetto per un nuovo sistema per rilevare incidenti in moto e di cui potrebbero essere dotati i modelli futuri.

Yamaha Tracer 700 2020 Vs toboga infernale: scontro a colpi di pieghe

Il sistema

Il paragone con BMW e il suo sistema di chiamata elettronica d’emergenza nasce dai sensori che Yamaha avrebbe introdotti: dispositivi in grado di rilevare sia un incidente che il caso in cui il pilota non si già sul mezzo ancora in movimento. A questo punto, il sistema invia una chiamata (ai servizi di emergenza, a un familiare ecc…) avvisando del possibile sinistro e inoltrando la posizione. Non solo SOS. Gli esperti Yamaha avrebbero lavorato anche per permettere al nuovo dispositivo di suonare il clacson e attivare le frecce. Si tratta di un accorgimento ulteriore: in questo modo, le altre persone sul luogo dell’incidente, possono accorgersi più facilmente di quello che sta accadendo. E ancora, nell’eventuale ipotesi di un’uscita di strada, il pilota potrebbe essere rintracciato con maggiore rapidità.

Versatilità

Sul brevetto, il sistema sembra essere montato su quella che sembra una YZF-R125, quindi una sportiva. In realtà, date le piccole dimensioni e una configurazione rapida e semplice, il nuovo dispositivo Yamaha potrebbe trovare multipli utilizzi, su varie tipologie di mezzo.

Coronavrius, Yamaha: garanzia estesa per tre mesi