L'emergenza Coronavirus costringe anche il Gruppo Piaggio a una decisione difficile ma dovuta. Piaggio, Aprilia e Moto Guzzi infatti chiudono fino al prossimo 3 aprile i loro stabilimenti italiani a Pontedera, Scorzè, Noale e Mandello del Lario, dopo un precedente stop durato dal 13 al 16 marzo scorso.

I LAVORI NON SOSPESI

Sospesa quindi la produzione di moto e scooter: tuttavia, proseguiranno i lavori che sono consentiti dal decreto legge del Governo emesso in data 22 marzo. In questo caso, a non essere sospesa sarà la manutenzione delle due ruote e la messa in sicurezza delle fabbriche.

Coronavirus, situazione delle aziende moto: chi lavora e chi no

IN ASIA SI CONTINUA A LAVORARE

Tutti gli stabilimenti di Piaggio nel sud-est asiatico, invece, rimarranno aperti, in particolare quelli in India e Vietnam. E per continuare ad assicurare parte della produzione, coloro che si occupano di rapportarsi con le sedi estere lavoreranno da casa tramite lo strumento dello smart working.

Vespa, le due ruote più "cercate" dagli italiani