Abbiamo parlato di proroghe per scadenza, rinnovo ed esame patenti, revisione, assicurazione e nessuna novità, finora, sul bollo per cui il decreto Cura Italia non ha previsto nessuna temporanea sospensione o slittamento. Mentre cerchiamo di resistere all’emergenza coronavirus, qualcosa è cambiato: nel nuovo testo si continua a non menzionare questo tributo, ma adesso le singole Regioni e le Province Autonome possono decidere, in questa circostanza, come comportarsi. E così hanno fatto Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna stabilendo che il bollo della moto in scadenza a marzo, aprile e maggio può essere pagato entro il 30 giugno 2020.

Le decisione delle regioni

Per il momento siamo a quota tre regioni che hanno ufficialmente prorogato il pagamento del bollo. Nei prossimi giorni potrebbero esserci delle aggiunte. Tuttavia, gli assessori al bilancio di Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna sono concordi: si tratta di una misura necessaria, normale conseguenza dell’attuale e difficile situazione sanitaria ed economica dei cittadini italiani. “La delibera sospende il pagamento dei tributi fino al 31 maggio mettendo al riparo dalla decadenza della eventuale rateizzazione degli importi dovuti. In caso l’emergenza si protrarrà prenderemo nuovi provvedimenti” ha dichiarato Davide Caparini, assessore al bilancio di Regione Lombardia. La data del 30 giugno è, infatti, indicativa. Tutto dipende dall’evolversi dell’emergenza.

Il Coronavirus può "infettare" la moto?