Il decreto "Cura Italia", stilato dal Governo italiano per arginare l'epidemia del Coronavirus, ha previsto dei nuovi ordinamenti anche per quanto riguarda le assicurazioni moto.

PAGAMENTO DEI PREMI: PROROGA AL 31 LUGLIO

Innanzitutto, il pagamento dei premi assicurativi non è stato sospeso. Ma il periodo in cui la compagnia assicurativa  è obbligata a mantenere operante la garanzia prestata con il contratto assicurativo è stato prorogato da 15 a 30 giorni, fino al 31 luglio 2020.

Da precisare che i 30 giorni valgono solo per la RC obbligatoria: ciò significa che se il premio non viene pagato, le garanzie come Furto e Incendio, Assistenza legale e Infortuni Conducente non conteranno più. Pagando entro i 30 giorni, la polizza salderà il pregresso, e la scadenza sul cedolino sarà quella originale.

CAMBIO DI COMPAGNIA E SINISTRI

Dal momento del pagamento, si potrà anche cambiare compagnia assicurativa. Chi stipulerà un nuovo contratto potrà beneficiare di un periodo di copertura assicurativa esteso nel tempo, pari a un mese, a parità di costo dell'annualità. Qualora, tra la scadenza della vecchia copertura e l'inizio della nuova, dovessero avvenire sinistri, la pratica andrà a carico della vecchia.

RISARCIMENTI INDIRETTI: I POSSIBILI CASI

Novità anche per gli assicurati con una compagnia che non aderisce al risarcimento diretto. Nel caso, ad esempio, di incidente con intervento necessario di periodo o medico legale, i tempi in cui la compagnia può realizzare una richiesta di risarcimento, se è assente il CID, passano da 60 a 120 giorni. Se invece vi è constatazione amichevole, dai 30 si passa ai 90 giorni. Infine, nel caso di incidente con lesione di persone, i giorni si allungano da 90 a 150.

Ufficiale: la revisione moto slitta a ottobre 2020