Un ultimo giro in moto in gruppo prima di morire. Era questo uno dei desideri di Roger Smith, veterano della guerra del Vietnam, che sta combattendo la sua battaglia contro un male incurabile ai polmoni, causato dall'esposizione all'Agent Orange, un agente chimico utilizzato in larga misura dall'esercito statunitense nel conflitto vietnamita.

Roger era ed è tuttora un grande appassionato di moto. Ogni giorno si recava al lavoro in sella alla sue due ruote poi la progressione della malattia gli ha impedito di guidare e così, negli ultimi due anni, ha dovuto rinunciare alla sua passione. La voglia di tornare in sella però è stata troppo forte e così alcuni club motociclistici di Columbus, città dell'Ohio in cui Roger risiede, hanno pensato di organizzare un raduno motociclistico in suo onore.

L'ultimo giro su una Harley Davidson

Nonostante la giornata fredda e le condizioni di salute non certo ideali, con un deciso aggravamento avvenuto nelle ultime settimane, Roger, opportunamente equipaggiato con una bombola di ossigeno fissata alla moto, è salito come passaggero su un Trike Harley Davidson. A scortarlo, nel tour a Colombus e dintorni, c'erano anche altri veterani del Vietnam tra cui Steve Murray, principale organizzatore dell'iniziativa e membro del Combat Veterans Motorcycle Club della città. Quando Roger è uscito dalla sua abitazione con la sedia a rotelle prima di salire in moto, i familiari non sono riusciti a trattenere le lacrime con i presenti che gli hanno tributato un lungo applauso. Il veterano, anche lui visibilmente commosso, ha ringraziato tutti per il suo ultimo viaggio sulle amate due ruote che deve avergli regalato sensazioni travolgenti, facendogli dimenticare, almeno per un po', il destino infausto che lo attende.

Harley-Davidson: arriva un Fat Boy in edizione limitata