“IL MEGLIO dei due mondi”: così Kawasaki definisce la propria ammiraglia sport-tourer, che per il 2020 perde la Z e acquisisce il nome Ninja. Giunta alla quarta generazione, oggi la turistica di Akashi si presenta aggiornata sotto diversi aspetti. Prima di tutto il motore: i tecnici sono intervenuti su molti componenti (profilo delle camme, scarico, aspirazione, iniezione...) per ridurre le emissioni inquinanti ma mantenere invariate le prestazioni. le prestazioni dichiarate ci parlano di una potenza di 142 CV a 10.000 giri/min e una coppia masisma di 111,0 Nm (11,3 kgm) a 8.000 giri/min.

ELETTRONICA RAFFINATA

L’elettronica è di prim’ordine: i quattro riding mode intervengono su mappa motore, controllo di trazione e ABS cornering sfruttando i dati della piattaforma inerziale. Tutto ciò può essere visualizzato sulla nuova strumentazione a colori, collegabile allo smartphone via Bluetooth.

MAGGIORE COMFORT

Le sospensioni sono state tarate diversamente e per il passeggero c’è più spazio grazie a una nuova sella. Il plexiglass, sempre regolabile, offre una protezione migliore. Optional ci sono le manopole riscaldabili, il cruise control e il quickshifter bidirezionale. La carenatura è stata leggermente ritoccata per essere ancora più sportiva, mentre i fanali sono tutti a led.

Per saperne di più sulla nuova Kawasaki Ninja 1000 SX non resta che leggere la nostra prova su strada.

Video-prova, Kawasaki Z650 2020: la naked entry level è davvero cambiata?