Per andare in moto non basta essere appassionati delle due ruote. Occorrono capacità e consapevolezza, soprattutto se della propria passione, un domani, si spera di farne un lavoro.

Per diventare dei bravi motociclisti bisogna imparare partendo dalle basi e insegnarle è l’obiettivo che si è posta la Scuola di Motociclismo (SMC), fondata 5 anni fa da Chico Lorenzo per il figlio Jorge, con la collaborazione del presidente del motoclub “Vai piano che ho paura”, Marco Ceramella.

MotoAmerica pensa ai giovani: ecco la Mini Cup

La scuola

Ispirata al modello di formazione professionale proposto dalla scuola dello sport del CONI, e dai vivai calcistici, la SMC vuole diventare il punto di riferimento italiano per il motociclismo, attraverso strutture dedicate; costi contenuti; equipaggiamento di sicurezza e moto noleggiabili.

“Impara sicuro, impara veloce”. Questa è la promessa che la scuola rivolge ai motociclisti di ogni età e livello, a cui offre un percorso di crescita personalizzato, che punta a trasmettere un metodo di guida su asfalto strutturato e consapevole, per sentirsi più sicuri in strada e più veloci in pista.

E se ci fossero dubbi sulla serietà e la competenza della SMC basta pensare che nel 2019 ha avuto oltre 4.500 corsisti, supportati da 20 istruttori e da un parco moto che conta oltre 50 pit bike, minigp e minimoto. E dopo anni “in pista”, può vantare tra le sue fila il figlio del fondatore, Jorge Lorenzo, il pilota di Moto3 Tony Arbolino e numerosi altri piloti di livello nazionale, europeo e mondiale.

L’offerta

Ma cosa si impara frequentando la Scuola di Motociclismo? Innanzi tutto la corretta postura da tenere in sella e i giusti movimenti da svolgere per guidare in modo sicuro ed efficace. E una tecnica derivante dalla scuola spagnola, che permette di migliorare la conduzione della moto e imparare a guidare forte e in totale sicurezza, simulando i comportamenti e le tecniche da riprodurre in pista e le precauzioni da adottare in strada, attraverso la ripetizione e l’apprendimento di regole ed esercizi svolti a basse velocità e con mezzi di piccole dimensioni.

I corsi si svolgono per classi in cui un massimo di 3 o 4 allievi di pari livello (principiante, intermedio, esperto o talent) vengono seguiti da un istruttore dedicato che ne segue ogni fase dell’apprendimento, dal briefing alle valutazioni in tempo reale. Ogni corso ha una durata massima di 2 ore, con l’aggiunta di qualche turno in pista e la possibilità di avvalersi di simulatori di guida e palestra, per l’allenamento indoor.

Ma i corsi di moto non sono l’unica attività proposta dalla Scuola, che offre anche un servizio di noleggi in pista, con la possibilità di organizzare dei mini Gran Premi.

Per quanto riguarda i prezzi, due ore di corso con istruttore costano 80euro (comprensivi di noleggio di moto ed equipaggiamento), mentre un turno in pista di 10 minuti costa 15 euro (noleggio della moto incluso) e l’organizzazione di un mini GP 40 euro a persona.

MTS riapre i battenti dell'Autodromo di Monza

Le sedi

Oltre a essere presente a Como, la SMC conta all’attivo anche una sede a Orte, in provincia di Viterbo, e, dal 15 febbraio, una nuova struttura in Puglia, a pochi minuti da Bari. Ma in futuro l’offerta delle sedi diverrà ancora più ampia, estendendosi anche alla Lombardia, il Piemonte, il Veneto, la Toscana e l'Emilia Romagna.