Si è appena conclusa l’avventura marocchina che In Moto ha proposto ai propri lettori. Per realizzarla si è affidato a Tom 42, un Team di specialisti che ha esperienza ultraventennale in terra africana e che non lascia nulla al caso.

L'INTERO VIAGGIO è durato due settimane -compresi i trasferimenti in nave A/R Genova-Tangeri. Sbarcati a Tangeri alle 20, la prima tappa è stata di trasferimento, solo di 62 Km alla volta di Tetouan, poi l’indomani la prima vera tappa africana (328 Km) in direzione Fez, dove è stato possibile visitare la famosa medina. Da Fez si sale sulla catena montuosa dell’Atlante (344 Km), paesaggi bellissimi e inediti per noi. Pernottamento nel paesino di Imilchil a 2200 mt e il mattino seguente, di buon’ora, prima si sale fino a 2800 metri, poi si punta verso Merzouga, alle porte del deserto. La discesa ci porta lungo le gole del Todra Tra canyon altissimi e paesaggi indimenticabili. La sera si dorme nel deserto, in un campo tendato superatrezzato ai piedi delle dune cattedrale alte anche 250 metri.

L'INDOMANI GIORNO LIBERO per escursioni o per visitare la città. Lasciata Merzouga ci dirigiamo verso Zagora (306 Km), antico punto di sosta carovaniero da e per il deserto. Attraversando la valle del Draa si procede su una striscia di asfalto lunga e infinita in mezzo ad un paesaggio desolato e arido, con le montagne spuntate dal vento sullo sfondo. Uno spettacolo.  Il giorno seguente ci attende una tappa Marathon (448 Km) attraverso villaggi e strade poco frequentate con panorami mozzafiato per arrivare, infine, ad Agadir, città moderna e turistica sull’oceano Atlantico.

Raid degli Oliveti, al via la terza edizione

NELLA TAPPA SUCCESSIVA (250 Km) si punta di nuovo verso le montagne, le si supera e si raggiunge la magica Marrakech, dove si sarà liberi di visitare la città come si preferisce anche il giorno seguente. Lasciata Marrakech c’è una giornata di trasferta autostradale fino a Tangeri dove ci si imbarca in serata. Poi due giorni di riposo e relax sulla nave e si sbarca di nuovo a Genova. E’ stata l’occasione per un’avventura in moto dal sapore diverso, da condividere con gli atri compagni di strada e da ricordare con piacere. Assieme a Tom 42, In Moto, oltre al Raid del Marocco, organizza ogni anno anche un tour della Sardegna e un tour della Sardegna sullo sterrato.