Si propone come una ‘classic-bike per spiriti liberi’ la nuova Imperiale 400 di Casa Benelli. Caratterizzata dallo stile retrò nasconde dietro alle linee classiche una tecnologia moderna, ma richiama nelle linee uno storico modello della gamma Benelli-MotoBi realizzato negli anni ’50 e, più in generale, l’heritage della Casa del Leoncino.

COM’E’ FATTA - La nuova Imperiale 400 si avvale del nuovo propulsore monocilindrico, quattro tempi raffreddato ad aria, con distribuzione a singolo asse a camme in testa ed alimentazione ad iniezione elettronica, che punta ad offrire il massimo contenimento dei consumi in qualsiasi condizione di guida. La potenza massima dichiarata è di 21 CV (15,5 kW) a 5500 giri/min, la coppia di 29 Nm (2,95 kgm) a 4500 giri.

Progettata per essere ‘facile’ e maneggevole, Imperiale 400 ha un telaio misto a doppia culla in tubi e piastre d’acciaio, compatto e resistente. Le sospensioni prevedono all’anteriore una forcella telescopica con steli da 41 mm di diametro ed escursione da 121mm, mentre al posteriore un forcellone oscillante con doppio ammortizzatore, con escursione da 55mm.

Cinque musei di moto da non perdere

Il disegno dello scarico e gli inserti cromati, accentuano lo stile vintage di questa nuova due ruote Benelli, così come il faro anteriore, rotondo, tipicamente retrò e il serbatoio a goccia, progettato per esaltare la vera essenza della moto.

Il sistema frenante di Imperiale 400 è composto all’anteriore da un disco di 300 mm di diametro con pinza flottante a 2 pistoncini e da un disco di 240mm con pinza flottante a singolo pistoncino al posteriore, per offrire il controllo totale della moto. I cerchi in lega di alluminio hanno differenti diametri: 19” all’avantreno, 18” al retrotreno e montano pneumatici 110/90 all’anteriore e 130/80 al posteriore.

Benelli Imperiale 400, proposta nella colorazione rosso, nero e argento, è già disponibile ed è in vendita al prezzo ‘aggressivo’ di € 3.990,00 f.c.