In un solo mese di presenza sul mercato il Burgman 400 ABS ha scalato la classifica delle vendite e si è insediato in vetta alla sua categoria, con 225 esemplari immatricolati.

Erede di quel Burgman 400 che ha debuttato nel 1998 creando un segmento di mercato, il nuovo modello punta a rappresentare il punto di riferimento nella sua categoria, accompagnato da un’offerta lancio interessante.

Più dinamico e sportivo - Il Suzuki Burgman 400 ABS sviluppa il concept originario, mettendo l’accento su sportività e dinamismo. Il design è filante e i gruppi ottici a LED mostrano una firma luminosa che lo rende immediatamente riconoscibile. La nuova sagoma è stata disegnata per offrire protezione dall’aria e dalle intemperie e un comfort anche nei viaggi più lunghi.

Nel retro dello scudo sono ricavati due vani, uno dei quali dotato anche di presa 12V, con cui si può ricaricare qualsiasi dispositivo elettronico, come lo smartphone o il navigatore.

Gli oggetti più voluminosi possono essere sistemati nell’ampio vano sottosella, che ha una capacità di 42 litri ed è in grado di contenere due caschi.

La nuova posizione di guida - Gli ingegneri Suzuki hanno aggiornato la posizione di guida del Burgman 400 ABS: la sella, dotata di schienalino regolabile e di un’imbottitura più spessa di 20 mm, fa assumere una postura più eretta e attiva. In questo modo il pilota ha un miglior controllo sia nelle manovre a bassa velocità sia alle andature autostradali, e da fermo ha la possibilità di appoggiare saldamente i piedi a terra, grazie all’altezza sella da terra di soli 755 mm.

Colori e vantaggi - Il Burgman 400 ABS può essere ordinato in tre colori: bianco perlato, nero mat. e grigio opaco ed è proposto, fino al 31 ottobre, con una campagna di lancio a € 7.290 fc. Il vantaggio per il Cliente è arricchito ulteriormente da un’estensione della garanzia, compresa nel prezzo, che porta la copertura a un totale di quattro anni.

Fino al 31 ottobre si può, inoltre, optare per un finanziamento a TAN 0%, che permette di finanziare importi da € 2.500 a € 6.500 su un arco temporale che va dai 18 ai 24 mesi. La prima rata è posticipata di un mese, il TAN è dello 0% fisso mentre TAEG varia da 3,78% a 7,34%, con le spese d’istruzione della pratica a loro volta variabili da € 75 a € 175.