Questo fine settimana si prospetta come uno dei più intensi della stagione per il Suzuki DemoRide Tour. Nel suo calendario sono, infatti, presenti ben cinque tappe, che copriranno quattro regioni. L’evento clou si svolgerà dal 29 giugno al 2 luglio a Sondalo, nell'ambito del 41° Raduno dello Stelvio.

Questa manifestazione attira tradizionalmente in Valtellina motociclisti da tutta Europa, per affrontare le curve che portano al valico più alto d’Italia con i suoi 2.757 metri s.l.m., e in questa occasione offrirà anche l’opportunità di saltare in sella alle novità Suzuki 2017.

V-Strom Tour - A Sondalo v in scena il V-Strom Tour, che permette di fare una prova ancor più approfondita della Enduro Tourer di Hamamatsu, da ben 40 minuti, una durata doppia rispetto a quella normale del DemoRide Tour.

I percorsi alpini sono un habitat ideale per V-Strom 650 e V-Strom 1000 e permettono di toccare con mano la versatilità di questi due modelli. La loro vocazione per i viaggi emerge in particolare nelle versioni XT, con ruote a raggi e accessori dedicati, che proteggono il pilota e la meccanica nelle condizioni più impegnative. Prenotare una prova al Raduno dello Stelvio offre dunque una bella opportunità per testare le V-Strom.

Gli ingegneri Suzuki hanno messo a punto l’equilibrio delle ciclistiche, che rendono queste moto maneggevoli nelle curve strette e stabili nel misto veloce. Le sospensioni sono state progettate per superare agevolmente anche i terreni più accidentati.

Le due motorizzazioni bicilindriche, poi, sono state studiate per offrire tutta la coppia necessaria per affrontare le strade più impervie, anche a pieno carico, e con consumi contenuti.

Il resto della gamma - Accanto alle V-Strom, si possono provare nelle tappe del Suzuki DemoRide Tour anche le altre moto di punta della gamma di Hamamatsu. Agli stradisti piacerà la GSX-S1000F: una street sport con un quattro cilindri e dalla posizione di guida che non vuol risultare mai affaticante, neppure nei viaggi più lunghi, grazie alla carenatura protettiva. Per chi desidera provare una naked ad alte prestazioni, con una dotazione tecnica di prim’ordine, c’è poi la GSX-S750.

La SV650, disponibile nella versione depotenziata per i titolari di patente A2, completa il quadro con la sua facilità di guida, con un buon rapporto qualità/prezzo e ampie possibilità di personalizzazione.

A Sondalo il Suzuki DemoRide Tour avrà come base per tutte e quattro le giornate il Centro Sportivo Polifunzionale di via Verdi 2, sede anche dell’intero Raduno dello Stelvio.

Nel weekend sono, inoltre, in programma altri quattro DemoRide:

Sabato 1° luglio

Brusamarello Gomme in via Savona 120, a Torri di Quartesolo (Vicenza);

Lunaschi Moto in Strada Statale per Voghera 93/4, Loc. Villoria, a Tortona (Alessandria).

Domenica 2 luglio

Punto Moto Pallare in via IV Novembre 1/B, a Pallare (Savona);

Motospazio in via Terraglio 270, a Mestre (Venezia).

Come partecipare - Le date e le località in cui farà tappa il Suzuki DemoRide Tour 2017 sono indicate sul sito dedicato www.suzukitour.it. Le prove si svolgono su strada, con l’assistenza dello staff Suzuki. I test ride hanno una durata di circa 30 minuti e si svolgono nelle fasce orarie tra le 9.30 e le 19.00, durante i weekend. Per prenotare la prova è sufficiente iscriversi online, scegliendo data, luogo e modello.

Oltre alla disponibilità delle moto, sul sito si possono controllare gli orari dei test ride, che potrebbero subire variazioni in caso di condizioni meteo avverse o di altre esigenze.

E’ inoltre prevista la possibilità di iscriversi anche attraverso la fanpage di Facebook di Suzuki Motorcycle Italia.

Anche tu protagonista - Il sito www.suzukitour.it dispone, anche quest’anno, di un SocialWall. Qui tutti possono condividere le foto della loro prova e diventare così testimonial del Suzuki DemoRide 2017. Farlo è semplicissimo: basta infatti postare sui propri profili Facebook, Twitter e Instagram le immagini del Suzuki DemoRide, utilizzando gli hashtag: #suzukitour #suzukidemoride #demoridetour #suzukidemoridetour #demoridesuzuki.