La convenzione tra la Federazione Motociclistica Italiana e il Lambretta Club d'Italia nata nel febbraio 2016 è stata rinnovata anche per il 2017 e prevede particolari condizioni di collaborazione tra i due soggetti associativi. E’ finalizzata ad incrementare il numero di associati che potranno usufruire dei servizi in convenzione tra i quali spicca il percorso dedicato per l’iscrizione online al Registro Storico FMI degli scooter certificati dal Registro Lambretta, tale procedura è riservata ai Lambretta Club Regionali che hanno al loro interno un Tutor formato dal Registro Storico.

La convenzione offre agli appartenenti al Lambretta Club d'Italia un ventaglio di proposte dedicate con cui promuovere e facilitare l'ingresso in FMI della struttura periferica del Lambretta Club d'Italia: i Lambretta Club regionali e provinciali. Ai possessori della doppia tessera (FMI/LCdI) sarà infatti garantito un tangibile sconto sulla tessera federale 2017. A  questi tesserati saranno messi a disposizione i servizi e i contenuti della tessera FMI, e tra tutti l’assistenza stradale e sanitaria.

Per quanto concerne l’iscrizione dei mezzi a due ruote con il marchio Innocenti al Registro Storico FMI, la via preferenziale è costituita dai referenti individuati e formati allo scopo su buona parte del territorio nazionale, ai quali verranno indirizzate le pratiche tramite una procedura dedicata on line e che a loro volta garantiranno efficienza e tempi brevi, vista l’evidente specializzazione.

Nell’ambito della Convenzione 2017 rientrano i grandi eventi radunistici e turistici itineranti, nei quali la FMI lavorerà in sinergia con il Lambretta Club d’Italia come già avvenuto nel 2016 per il Raid Lambrettistico della Sicilia. L’evento più importante sarà l’EuroLambretta, con la previsione di partecipazione di oltre 1.000 veicoli Lambretta provenienti da tutta Europa. L'evento si svolgerà ad Adria (RO) dal 2 al 4 giugno 2017.

La Federmoto dichiara di voler  valorizzare il patrimonio culturale e storico rappresentato dalle collezioni e dai musei nei quali sono ospitate la Lambrette, prodotte dal 1947 al 1972. Particolari iniziative sono allo studio con la dirigenza del Lambretta Club d’Italia per dare la massima visibilità e pari dignità rispetto agli altri marchi, nell’ambito di una politica di rivalutazione del mondo vintage dello scooter.

Per il documento contenente le linee guida per l’affiliazione e il tesseramento dei Lambretta Club cliccare qui.