Niente Vespa anni Sessanta e non solo. La linea dura del sindaco di Parigi contro le moto “d’epoca”, iniziata ad inizio 2015 e attuata con l’obiettivo di ridurre le emissioni e di conseguenza l’inquinamento in città, si è trasformata in realtà dal 1 luglio. Da quella data, infatti, i veicoli a due ruote immatricolati prima del 1 giugno 1999 non possono più circolare nell’area metropolitana.

Chi non rispetterà la regola, vigente nei giorni feriali dalle 8 alle 20, andrà incontro a una multa di 35 euro. Nella stessa direzione si stanno muovendo altri Paesi e città europee: se a Genova le Vespa d’epoca sono vietate in centro storico, a Londra il sindaco Khan sta pensando ad una tassa d’ingresso in centro per i mezzi d’epoca a due e quattro ruote: si parla di 12,5 sterline per ogni passaggio…