Ad Agosto Triumph proverà a battere il primato di velocità mai raggiunto da una moto. A guidare il Rocket Streamliner sarà Guy Martin

E' di 605,697 km/h il record di velocità mai raggiunto da una motocicletta. Una velocità stratosferica che Triumph ha intenzione di superare e per questo a messo a punto il Rocket Streamliner: un mezzo da oltre 1.000 cavalli di potenza massima che sarà portato al limite dal fortissimo pilota Guy Martin, stella del TT.  Il passato di Triumph è costellato da questo tipo di record: la Casa inglese ha infatti conservato il titolo di  “World’s Fastest Motorcycle” dal 1955 al 1970, con la sola eccezione di 33 giorni. Protagonisti di questi incredibili successi del passato sono stati gli streamliner Triumph Texas Cee-gar della Devil’s Arrow, il Dudek Streamliner e il Gyronaut X1, il primo a raggiungere la velocità di 395.28 Km/h. Il progresso ingegneristico e la moderna tecnologia hanno alzato sempre di più l’asticella, fino a raggiungere l’attuale record di 605.597 Km/h fatto registrare nel 2010 dallo streamliner Oil-Ack Attack. Ma come è fatta una moto da record? Il Rocket Streamliner è lungo 7,77 metri, largo 60 cm e alta 91. La struttura monoscocca in carbonio e Kevlar ospita due motori turbocompressi alimentati a metanolo, di derivazione Rocket III.  Dopo i test che si svolgeranno a metà Luglio sulla piana salata di Bonneville (nome strettamente legato alla produzione della Casa dopo il record fatto registrare da Jhonny Allen nel 1955), il "missile" inglese sarà chiamato a compiere l'impresa dal 24 al 27 Agosto.  [gallery ids="24085,24084,24083"]