1.400 cm3, bicilindrico, aspetto classico, monumentale. E' la Moto Guzzi California, erede di uno dei modelli più di successo della Casa di Mandello del Lario. Siamo tornati in sella a questa moto sulle splendide strade degli States. L'itinerario: Pasadena, Los Angeles, la splendida e famosissima Mulholland Drive, Malibu, Calabasas. Un tragitto spettacolare, iconografico, che ci ha permesso di godere dell'ottima ciclistica della moto e dello splendido carattere del mastodontico bicilindrico. Non è tutto: insieme a noi Miguel Galluzzi, padre delle più riuscite moto del Gruppo Piaggio e di alcune fra le più importanti moto nate negli ultimi venti anni. Un nome su tutti? Ducati Monster. Miguel ci ha accolto nel centro stile Piaggio di Pasadena, il "Pad-C", e ci ha rilasciato una lunga ed interessantissima intervista. Eccovi un breve estratto:

-"Lei nel 1988 ha finito gli studi qui a Pasadena, poi una parentesi in Opel e Honda, poi il Gruppo Cagiva e adesso Piaggio. E' cambiato tanto il suo lavoro in questi anni?"

-"Moltissimo perché, vedi, c'è una cosa fondamentale che a molti sfugge: è cambiata la demografia del mercato moto. I motociclisti di oggi non sono quelli che hanno comprato la moto 30 o 40 anni fa. Questa nuova generazione ha altri bisogni che ancora, specialmente per le grandi Aziende, non sono chiarissimi. Possiamo ancora inventare qualcosa ma dobbiamo partire da necessità che non sono le stesse che avevo io quando ero ragazzo."

Un punto di partenza che porterà il discorso sul passato e il presente del design, sulle necessità future e sui progetti vicini al debutto.

Il resto dell'intervista la troverete sul prossimo numero di InMoto, in edicola il 10 Agosto. Federico Garbin [gallery ids="9771,9770,9769,9768,9767,9766"]