Lo scorso 19 marzo dalla linea di produzione dello stabilimento BMW di Berlino è uscita la 500 millesima moto della serie di modelli GS: una BMW R 1200 GS, con motore bicilindrico boxer. Fin dal 1969, nello stabilimento di Berlino-Spandau vengono costruite moto per il mercato mondiale e dal 1980 anche i modelli GS di BMW Motorrad con propulsore boxer, nate prevalentemente per il mototurismo. Nell’autunno del 1980, BMW Motorrad presentò la R 80 GS, che univa le qualità necessarie per due usi specifici: su strada e off-road. Quella che iniziò con una cilindrata di 798 cc ed una potenza di 50 cv è diventata nel corso di tre decenni una enduro ad alta tecnologia: la BMW R 1200 GS con 125 cv, una cilindrata di 1170 cc, e sistemi elettronici di regolazione come ABS, controllo della trazione e sospensioni semi-attive. Stephan Schaller, presidente di BMW Motorrad, ha così dichiarato: «Unendo le qualità stradali, off-road e di uso quotidiano, BMW Motorrad ha creato la nuova specie di enduro da viaggio, la R 80 GS. La GS col boxer bicilindrico è diventata sinonimo di questo segmento. Le doti dei modelli boxer GS – le dinamiche di marcia, le qualità in fuoristrada, il comfort e la durata – sono state continuamente coltivate, sviluppate e trasferite con grande successo ad altre serie di modelli BMW Motorrad». «Come stabilimento, è per noi un privilegio continuare la storia di successo della GS con boxer bicilindrico»,  ha commentato Marc Sielemann, capo dello stabilimento di Berlino di BMW Motorrad. «Con il propulsore a raffreddamento puntuale, lo scorso anno è stato raggiunto un nuovo stadio evolutivo. Mezzo milione di unità costruite dimostrano che il boxer GS rappresenta più che mai una pietra miliare della nostra produzione motociclistica». Nel 2013, il BMW Group ha venduto 115.215 motocicli nel mondo. BMW Berlino 201403