Come già accaduto in passato, anche quest’anno ad EICMA c’è chi ha intrapreso azioni contro espositori asiatici, che esibivano tranquillamente prodotti esteticamente identici a quelli di marchi concorrenti. In questa occasione Piaggio e  Honda si sono rivalse contro  diversi stand, che esponevano 2 “surrogati” dello scooter Honda PXC e altri con ben 11 scooter fotocopia della Casa di Pontedera. Tutti i  mezzi incriminati sono stati sequestrati da guardia di finanza e personale ANCMA, l’associazione costruttori moto e accessori. Copiare non è vietato e a volte serve pure a far progredire tecnica e mercato, basta guardare cosa ha fatto il Giappone negli anni ’60-’70, ma creare copie spudoratamente esatte di un prodotto, per poi metterlo sul mercato sfruttando sforzi e immagine creati da altri, è cosa davvero poco onorevole. Non vogliamo far di tutte le erbe un fascio, ma purtroppo notiamo come questo comportamento sia usuale tra alcuni imprenditori asiatici, i quali oltretutto  non si mettono il minimo problema a riguardo. La speranza è che almeno imparino l'arte e diventino bravi, per poi venire copiati da qualche altro mercato emergente :-)