Il Concorso di Eleganza di Villa d’Este – dal 20 al 22 maggio prossimi - è l’appuntamento più esclusivo e ricco di tradizione del mondo dei mezzi d’epoca, sia delle auto che delle moto e l’evento quest’anno è legato a doppio filo a BMW. La Casa di Monaco di Baviera, infatti, proprio nel 2016 celebra il centenario e, nel caso specifico, lo fa presentando un “viaggio nel tempo” attraverso le differenti epoche della mobilità. Il motto è “Ritorno al futuro: il viaggio continua” e il risultato è una carrellata di 52 rarità a quattro ruote e 30 motociclette storiche, ovviamente anche di altri marchi che però saranno affiancate da due mostre a tema: la prima sui prototipi BMW Hommage, nati per celebrare un modello specifico, la seconda sulla BMW R5, cioè una delle prime moto realmente sportive della storia, nata esattamente 80 anni fa.
 
Alimentata da un motore boxer da 24 CV sviluppato, all’epoca, completamente ex novo, si basa su un altro modello che aveva riscosso vari successi in pista. Utilizzava un innovativo telaio a doppio tubo saldato elettricamente, ma anche, per la prima volta, un cambio a pedale e il freno della ruota posteriore azionato con la punta del piede. I concept Hommage, invece, saranno esposti vicino al loro corrispondente storico mostrando come il passato e il presente siano strettamente legati uno all’altro. Così, la BMW R 90 S si troverà accanto alla Concept Ninety.
 
Quanto alla competizione vera e propria, poi, le moto sfileranno in una parata che attraverserà le strade di Como e di Cernobbio fino ai i parchi di Villa Erba. Giunte a Villa d’Este, saranno in mostra divise in cinque categorie. Le prime due, che si chiamano “Audacia che fa la differenza” e “Decadenza prebellica” presentano le innovazioni dell’epoca sia a livello tecnico che di design. La terza, denominata “Off-road”, ricorda gli inizi del trend delle motociclette per la guida fuoristrada, create per la comunità di biker della costa occidentale degli Stati Uniti. La quarta categoria, “Pilota privato”, invece, comprende costruzioni speciali su due ruote. L’ultima categoria, “Temporada Romagnola”, rievoca l’atmosfera delle corse stradali primaverili organizzate dal 1945 al 1971 in varie città italiane.