Una vita a tutta velocità, quella di Sean Connery, scomparso lo scorso 31 ottobre all’età di 90 anni. Oltre settanta film, tanti premi vinti e tanti gioielli a due e quattro ruote come compagni di avventura. L’attore è stato il primo 007 del cinema e con lui hanno fatto il loro debutto sul grande schermo auto meravigliose. Ma tra Aston Martin e Bentley, spunta anche una leggendaria Moto Guzzi V7 che, a cavallo tra gli anni ’60 e ’70, entra a far parte della flotta della polizia di Los Angeles e diventa ben presto una delle moto preferite degli agenti più giovani. Ed è sul set di “Una cascata di diamanti” (1971) che Sean Connery si fa immortale su una Moto Guzzi V7 Ambassador.

Triumph Scrambler 1200 Bond Edition, "al servizio di Sua Maestà"

Una foto indimenticabile

Commercializzata in Europa come V7 Special, la V7 Ambassador è la moto della polizia statunitense che ha fatto la comparsa nel film “Una cascata di diamanti”. Si tratta del modello capostipite del motore a V longitudinale, poi diventato simbolo della Casa di Mandello del Lario. Un simbolo, anzi un’icona, è anche la foto scattata a Sean Connery nei panni di James Bond in sella alla V7 durante le riprese della pellicola del 1971. Un’immagine ferma nel tempo, immortale, ancora oggi appesa a Mandello del Lario, all'ingresso dello stabilimento Guzzi.

Ural 2WD Sidecar ispirata a James Bond