Salvini, monopattini: dopo il limite di 20 km/h, pensa al referendum

Salvini, monopattini: dopo il limite di 20 km/h, pensa al referendum

Il ministro, sulla scia di quanto sta accadendo in Francia dove si voterà se abolire o meno i mezzi sharing, fa i sondaggi su Instagram

Redazione - @InMoto_it

Tra coloro che ancora non vedono di buon occhio i monopattini c’è senza dubbio il vicepremier e ministro dei trasporti Matteo Salvini, che ormai da diverso tempo sta portando avanti la sua “crociata” nei confronti di questi mezzi elettrici. Negli ultimi giorni Salvini si è espresso in favore di una stretta sulla velocità: i monopattini in sharing non devono superare i 20 km/h. Ma adesso c’è un nuovo tassello da aggiungere al puzzle: sulla scia di quanto sta accadendo in Francia, dove è stato annunciato un referendum in primavera sull’eventuale blocco dei monopattini in sharing, il ministro sta facendo dei piccoli sondaggi sui social.

Limite di velocità dei monopattini

Andiamo per gradi. “Stiamo lavorando - ha spiega Salvini sulla questione velocità - perché alcuni mezzi a due ruote come i monopattini, che troppo spesso sfrecciano senza regole, limiti e controlli ovunque, raggiungendo anche velocità elevate e pericolose, non possano più essere venduti e acquistati. Il limite di 20 km orari a cui viaggiano i monopattini a noleggio, dovrà essere il massimo di velocità oltre il quale non si possano più vendere o acquistare. Troppi incidenti sulle strade italiane, troppi morti e troppi feriti, soprattutto fra i più giovani”. Parole che poi hanno portato al progetto maggiore, ovvero a un lavoro che comprende la revisione del Codice della Stradapuntando su educazione, prevenzione e sanzione”. Sempre sul fronte dei monopattini, il ministro ha aggiunto che “insieme ad un controllo sulla velocità, sono in corso approfondimenti sui temi del casco, dell'immatricolazione e della targa. La sicurezza viene prima del business”.

Referendum come in Francia?

Parigi ha appena annunciato un referendum, in primavera, sull’eventuale blocco dei monopattini in sharing”, ha detto Salvini ha proposto della sua consultazione via social. “Ieri su Instagram, su oltre 3mila persone che hanno risposto, quasi 8 su 10 si sono detti favorevoli a proibire la libera vendita, senza controllo, di quei pericolosi monopattini non a norma che possono sfrecciare anche a 60 km/h, diventando fonte di gravi incidenti. Voi cosa ne pensate?”. “Strade e autostrade più sicure, con più sanzioni a chi guida e uccide drogato e ubriaco, più tutela a ciclisti e pedoni e tolleranza zero a chi usa il cellulare alla guida”, prosegue il ministro. La questione “sul contrasto al monopattino selvaggio sta coinvolgendo città importanti come Firenze, dove da oltre un anno si discute dell’obbligatorietà del casco, e capitali europee come Parigi’’.

PININFARINA METTE LA FIRMA SUL SUO PRIMO MONOPATTINO, IL KPF ARGENTO

  • Link copiato

Commenti

InMoto in abbonamento