La libertà post-lockdown e il caldo possono indurre a prendere brutte decisioni. C'è chi non resiste a prendere la propria moto per farsi una scampagnata. Nulla di illecito, è ovvio. Ma se farlo comporta un pericolo per se stessi e per gli altri, o può produrre danni all'ambiente, allora il discorso cambia.

MULTA PER UNA TRENTINA DI CENTAURI

Non si parla per forza di gare clandestine: anche scorrazzare ad alta velocità in territori di campagna può risultare pericoloso. E infatti lo scorso weekend i Carabinieri hanno individuato e multato una trentina di motociclisti che si davano alla pazza gioia sfrecciando in sella alle loro moto nelle zone dell'Oltrepo Pavese, più precisamente nei territori dei comuni di Zavattarello e Colliverdi, entrambi in provincia di Pavia.

Si tratta di semplici appassionati, lo hanno sottolineato le forze dell'ordine. Che però al posto di sfogare tutta la potenza delle loro moto in un circuito e in sicurezza, lo hanno fatto scegliendo i sentieri e le mulattiere vietate al transito dei mezzi, rovinando quei percorsi che molto spesso vedono il passaggio di tanti escursionisti.

Gare clandestine su Honda CBR1000 e Suzuki DRZ 400: in tre a processo

Le continue scorribande hanno indotto così i Carabinieri a rafforzare i controlli, per "beccare" i motociclisti. Una trentina, quelli individuati e sanzionati con multe che vanno da 121 a 365 euro.