Nella città svedese di Huskvarna – dalla quale trae il nome della Casa motociclistica fondata nel 1903 – è stata presentata la nuova gamma enduro 2017 del marchio svedese: i nuovi modelli a due e quattro tempi utilizzeranno esclusivamente pneumatici Metzeler come primo equipaggiamento: si tratta degli pneumatici MCE 6 Days Estreme, che racchiudono tutto lo sviluppo tecnologico raggiunto da Metzeler nel corso della sua vincente tradizione nell’Enduro, il cui debutto risale al 1935. 

 

MCE 6 Days Extreme è il prodotto di punta della gamma pneumatici Enduro di Metzeler, omologato F.I.M. e vincitore di 26 titoli nel Campionato Mondiale FIM Enduro in dodici anni, e di otto titoli consecutivi nel Campionato Mondiale FIM SuperEnduro. Grazie ai risultati raggiunti si conferma lo pneumatico di riferimento sullo scenario delle competizioni internazionali, frutto della longeva partecipazione di Metzeler in questo segmento.

Le misure sono 90/90 – 21 M/C 54M M+S per l’anteriore, mentre per il posteriore vi sono due diverse opzioni: 120/90 – 18 M/C 65M M+S per il modello TE 125 a due tempi e 140/80 – 18 M/C 70M M+S per i modelli TE 250 e TE 300 a due tempi, FE 250, FE 350, FE 450 e FE 501 a quattro tempi.

 Le mescole

Per la realizzazione delle mescole di MCE 6 Days Extreme, Metzeler utilizza nero di carbonio ad alte prestazioni, in modo da rafforzare la struttura dei tasselli e garantire una fascia battistrada più stabile.

I polimeri di nuova generazione permettono agli pneumatici di presentare una maggiore resistenza all’abrasione, ai tagli e agli strappi, contrastando il frequente fenomeno dell’usura precoce che si verifica soprattutto con l’utilizzo in condizioni miste.

La carcassa

Grazie alla carcassa in polyestere ad alta resistenza, Metzeler mette a disposizione un modello con caratteristiche strutturali superiori ai precedenti, migliorandone la rigidità, incrementando le proprietà smorzanti e la stabilità strutturale, elementi grazie ai quali il motociclista possiede un maggiore controllo della moto nelle diverse condizioni di guida.

I profili

MCE 6 Days Extreme presenta sullo pneumatico posteriore un disegno del profilo con il raggio di curvatura diversificata per una trazione e una resistenza all’usura ottimali grazie ad un’ampia area di contatto che coinvolge più tasselli ad ogni angolo di piega per una migliore presa nel terreno e che ne riduce le sollecitazioni specifiche.

Il battistrada e le caratteristiche dei tasselli

Lo sviluppo del battistrada è stato concepito con un approccio diverso tra anteriore e posteriore: all’anteriore i tasselli distanziati promettono di far presa continua anche sui terreni più morbidi, permettendo allo pneumatico di sfruttare al massimo le proprietà autopulenti. I tasselli che si trovano sulla parte più interna della spalla sono disposti invece con un disegno direzionale che migliora la stabilità e la controllabilità in curva a qualsiasi angolo di piega, mentre quelli laterali vengono rinforzati per consentire allo pneumatico di avere una maggiore resistenza sui terreni più duri.

Il disegno della sezione centrale nello pneumatico posteriore dispone di una geometria alternata dei tasselli che garantisce un rotolamento più fluido su rettilineo.

Il posteriore è stato realizzato con un allineamento specifico nella distribuzione dei tasselli dal centro verso i fianchi, seguendo una linea diagonale che garantisce il massimo supporto laterale nell’impostazione della curva, mentre i tasselli più interni delle spalle consentono al pilota di controllare al meglio il mezzo in accelerazione nelle fasi di uscita dalla curva, rispondendo alle sollecitazioni.