Perché accontentarsi di una sola sagra quando se ne possono gustare quasi cento muovendo solo pochi passi? E’ questa la filosofia alla base del Misen, il Salone Nazionale delle Sagre di Ferrara, un evento unico in Italia che torna l’11 e il 12 con la sua quattordicesima edizione. I padiglioni della Fiera del capoluogo estense si riempiranno dei profumi e dei sapori delle più importanti sagre del territorio, ma non solo: dall’Emilia-Romagna alla Toscana, passando per il Veneto, moltissime Regioni prenderanno parte all’evento presentando il proprio piatto più rappresentativo. Gusto, conoscenza e buona tavola torneranno così a confondersi in un mix irresistibile; il bilancio del 2016, d’altronde, è stato di 20.000 visitatori, chilometri e chilometri di sfoglia tirata, centinaia di migliaia tra cappellacci, cappelletti, tortelloni e gnocchi distribuiti gratuitamente, quintali di ragù a condirli, montagne di cozze e vongole, salame alla brace e manicaretti al tartufo. Con un unico biglietto si potranno gustare gratuitamente le proposte di tutti gli stand delle sagre; ci sarà spazio poi per “Gustosissima”, un’area dedicata alla vendita dei migliori prodotti enogastronomici italiani, e per il ristorante “al Misen”, che proporrà un menù servito al tavolo a prezzo fisso. Ricco anche il programma degli eventi e degli intrattenimenti collaterali, a partire dalle performance di Luca Bini, il “Re della griglia” della tv, della food blogger Camilla Rossi, di Daniele Reponi de “La Prova del cuoco” e degli ex concorrenti di “MasterChef” Dario Baruffa e Simone Finetti; senza dimenticare il  “Gran Galà della Salama”, la “Disfida delle sfogline”, i convegni a tema e il “Gran Galà del Liscio”,  che porterà in Fiera le migliori orchestre del territorio; e ancora il “Misenpassion”, dove saranno protagonisti gli hobby più originali e bizzarri, gli intrattenimenti per i più piccoli e il “Misen Roller Cross”. 

A pochi chilometri di distanza sarà festa anche a Casumaro, la “Città della Lumaca” in provincia di Ferrara. Per due fine settimana consecutivi, dal 10 al 12 e dal 17 al 19 marzo, alla sagra della “Lumaca d’élite” gli abili cuochi locali delizieranno i visitatori proponendo piatti ricercati, ricette nuove e abbinamenti sorprendenti, il tutto con una mise en place degna di un locale di prestigio. Ad attendere le buone forchette - nei giorni feriali a cena e nei festivi anche a pranzo - sarà un ricchissimo menù che spazia da specialità a base di lumache a piatti tipici della tradizione delle terre degli Estensi. Il piatto principe saranno le “lumache alla casumarese” preparate con verdure, passata di pomodoro, burro e formaggio grana; ma non mancheranno le lumache all’olio, con radicchio al forno, con rucola e grana, come condimenti dei primi e ancora fritte, in guazzetto, alla Borgogna e al tartufo in letto di polenta. 

Saranno invece i fiori, con la primavera ormai alle porte, i grandi protagonisti dell’evento in programma a Sanremo. Domenica 12 marzo, nella città della musica ligure, torneranno i profumi e i colori del Corso Fiorito: migliaia di fiori di ogni genere saranno utilizzati per realizzare bellissimi carri che sfileranno per le vie della città, accompagnati da bande musicali, majorettes e artisti vari. 

A cura di www.fuoriporta.org