Si è conclusa nella cornice del Sestriere l’ottava edizione della Hardalpitour che dal 9 all’11 settembre ha avuto come filo conduttore la passione per il mondo dell’Adventouring e la voglia di condividere un viaggio-avventura insieme ai propri amici.

Sono stati ben 415 i partecipanti: un record per la manifestazione organizzata da Over2000riders, in arrivo da 14 nazioni, non solo dalla Francia, ma dalla Germania, Svizzera, Belgio, Austria, Croazia, ma anche Canada e Argentina. Ogni team di 3 piloti alla guida di moto dal peso non inferiore ai 150 kg, ha viaggiato dal venerdì notte alla domenica pomeriggio percorrendo le suggestive strade sterrate ex-militari ed i passi delle Alpi tra Garessio, Limone Piemonte, Salice d’Ulzio e Sestriere.

La novità principale di questa ottava edizione è stata la Hat Extreme partita alla mezzanotte di venerdì 9 da Garessio con 100 partecipanti (numero chiuso) e conclusasi a Sestriere la domenica dopo circa 800 km in sella alle proprie moto. Una non-stop di 36 ore veramente per piloti viaggiatori di provata esperienza.

Entusiasmo anche per la presenza dei migliori piloti del rallismo italiano di oggi, Alessandro Botturi, Jacopo Cerutti e Paolo Ceci, che hanno affiancato le ‘glorie’ della Dakar, Bruno Birbes e Roberto Boano. E' stato interessante vedere come i piloti ufficiali abbiano  interpretato lo spirito Adventouring dell’evento concedendosi una giornata in relax alla guida di “moto clienti” e godendo delle bellezze naturali del percorso. Di rilievo anche la partecipazione ufficiale del BMW Team Germany, 2° all’ultima edizione del GS Trophy.

Presente anche il Club Ténéré Italia che ha accolto tutti i piloti Yamaha nell’area dell’Hat Village.