Si parte dal Centro Italia e si arriva alle porte di Padova, nel viaggio settimanale lungo la Penisola fra le migliori sagre del weekend. Un tour fra le delizie italiane che parte da Città della Pieve e da una spezia che affonda le sue radici in Asia Minore; un tesoro color rosso, che poi diventa giallo, di cui le terre del borgo in provincia di Perugia sono talmente ricche da festeggiarlo per 3 giorni ?dal 21 al 23 ottobre. “Zafferiamo” è l’evento attraverso il quale Città della Pieve celebra il suo zafferano purissimo in fili in tutte le possibili sfaccettature: dai tessuti fino alla pittura e alla cosmesi, partendo ovviamente dalla gastronomia. Golose paste fatte in casa, formaggi e carni, ma anche dolci, birre e imperdibili ricette rinascimentali, tutto a base di zafferano; e se i ristoranti proporranno particolari menù a tema, nella mostra mercato delle eccellenze produttive del territorio allestita nel centro storico, i produttori locali proporranno tutta la declinazione dei prodotti realizzati utilizzando la preziosa spezia.

Spostandosi nel Lazio, per chi non vuole accontentarsi di una sola sagra, ecco che Montalto di Castro proporrà la “Regina” di tutte le sagre. L’appuntamento è fissato ?dal 21 al 23 ottobre nello splendido centro della Tuscia Viterbese, con una tre giorni dedicata alla scoperta della gastronomia locale e di un territorio dal grande fascino. Se Montalto di Castro giocherà in casa con l’asparago e il melone, troveranno spazio anche l’olio, i fagioli, i formaggi di pecora, il latte di asina in crema, il vino, il pane casereccio e le lumache; non mancheranno i prodotti biologici e tante altre specialità, da assaggiare per tre giorni dalle 9 del mattino fino ?alle 23. E anche sul fronte dell’intrattenimento ci sarà da divertirsi: per tre giorni, insomma, Montalto di Castro diventerà “capitale” del gusto, del divertimento e della solidarietà perché parte del ricavato sarà devoluto alle vittime del terremoto di Amatrice.

Affonda infine le sue radici in un passato antichissimo la Sagra del folpo di Noventa Padovana, in programma quest’anno ?dal 21 al 25 ottobre. Al centro della festa ci saranno i caratteristici “folpari”, i venditori di polpi caldi, e presso lo stand gastronomico sarà possibile gustare tantissime specialità della tradizione locale a base di pesce, il tutto annaffiato da litri e litri di torbiolino, il vino tipico di questo tratto del Veneto. A chiudere la manifestazione sarà come di consueto un grande spettacolo pirotecnico e non mancheranno mostre artistiche, intrattenimenti per bambini, stand dell’artigianato e serate musicali, oltre alle bancarelle che troveranno posto lungo la centrale via Roma e le arterie del centro storico.

A cura di www.fuoriporta.org