CATANIA - Il mercato delle crossover è in allerta, perché non appena la nuova 1290 S arriverà sul mercato, l'asticella del livello della sicurezza e delle prestazioni arriverà a un livello mai raggiunto prima. Quel fenomeno di potenza, coppia e fruibilità che è il bicilindrico di 1.301 cm3 da 160 CV e 140 Nm ha migliorato ulteriormente la risposta al gas, adottando pistoni alleggeriti, albero motore modificato e nuove camere di combustione. 

CICLISTICA ECCEZIONALE - Ciò che più impressiona sulla Super Adventure S, però, è la ciclistica con le sospensioni semi attive WP di ultima generazione. La precisione su qualunque tipo di asfalto è qualcosa di difficilmente descrivibile. La moto risulta bilanciata, efficace come su una sportiva ma appena arrivano buche o asperità, la forcella e l'ammortizzatore sono capaci di assorbirle, regalando un comfort elevato. Anche le strade più impestate di buche e col brecciolino in terra si affrontano con una sicurezza imbarazzante.

ELETTRONICA RAFFINATA - L’elettronica adotta una nuova release software per la centralina Bosch 9ME, così cornering ABS, controllo stabilità e controllo trazione lavorano in maniera ancora più raffinata. Il risultato sono un feeling e una sensazione di sicurezza esagerate, trasmesse fin dal primo momento in cui si sale in sella. Alla lista elettronica vanno aggiunti cruise control di serie, quickshifter (che funziona sia in accelerazione sia in scalata), hill control system, e controllo di trazione in frenata.

LED OVUNQUE - Anche le “estreme” forme estetiche migliorano: il nuovo faro full LED (per ora non utilizzato sulla 1090 Adventure) , che è e sarà il simbolo delle nuove Adventure, non solo caratterizza e migliora parecchio la vista frontale, ma includendo il sistema di cornering light, permette di snellire parecchio la zona del cupolino, che appesantiva visivamente la vecchia 1290. Anche il parabrezza è più snello e ha un nuovo e più pratico sistema di regolazione manuale.

CRUSCOTTO INEDITO - La strumentazione fa un salto generazionale. Ora sembra un piccolo tablet fissato dietro al cupolino e inclinabile a piacimento. Lo schermo TFT a colori da 6,5” non è touchscreen ma il vetro “gorilla glass” garantisce resistenza e perfetta visibilità anche sotto al sole. Il sistema bluetooth permette il controllo del proprio smartphone.

SORELLA MINORE - Chi ritiene la 1290 Super Adventure S esagerata, può orientarsi sulla versione 1090, sulla quale ora c'è un bicilindrico di 1.050 cm3 da 125 CV e 109 Nm di coppia, disponibili con un’erogazione dolcissima e facile da gestire anche per chi ha meno esperienza. Le sospensioni WP (la forcella con steli di 43 mm Ø non è regolabile) fanno comunque un ottimo lavoro e garantiscono un assetto bilanciato, che assicura una elevata maneggevolezza, enfatizzata dai pneumatici (Metzeler Tourance Next) di sezione contenuta per gli standard attuali: 110 all’anteriore (di 19”) e 150 al posteriore (di 17”).

SERBATOIO XL - La 1090 Adventure mantiene l’aspetto delle vecchie Adventure, ma anche qui le pance del serbatoio di 23 litri sono dimagrite e la sensazione di maggiore snellezza si sente parecchio anche alla guida. L’unico limite di questa moto può essere l’altezza di 850 mm della sella non regolabile.

PREZZI - Il prezzo della 1290 Super Adventure S parte da 16.750 euro franco concessionario, mentre per la 1090 Adventure bisogna sborsare 13.450 euro (prezzo sempre franco concessionario).