Erano le moto più attese dell'anno ma in Europa sono arrivate in ritardo. Per fortuna, però, l'attesa è stata ripagata con la sostanza, ovvero con dei prodotti eccezionali. Per prima cosa va detto che le nuove CRF450R e RX sono bellissime, dettaglio che non guasta. Inoltre hanno delle doti dinamiche e caratteristiche tecniche eccezionali

IL COMMENTO DELL'LPL UCHIYAMAU - “Il nostro obiettivo era realizzare una moto con eccezionali doti di trazione, migliorando anche l’accelerazione, che è stata incrementata del 5%. Inoltre abbiamo abbassato il baricentro ed ora possiamo affermare che la nuova Honda CRF450R sia la regina dell'holeshot!”.

UN ALTRO MONDO - La CRF450R del 2016 era molto maneggevole ma dotata di un motore meno potente rispetto a quelli delle migliori concorrenti. Inoltre la forcella con molle ad aria non ci aveva convinto. La CRF450R 2017 monta un monocilindrico molto potente ha una ciclistica equilibrata e parte del merito è proprio delle sospensioni. L'elettronica mette a disposizione tre mappature della centralina che permettono di sfruttare la cavalleria a disposizione su diversi tipi di terreni. Da segnalare che utilizzando la mappa più estrema il motore è in grado di accontentare anche le esigenze di un professionista, che potrà sfruttare la potenza per merito di una trazione eccezionale, una delle migliori doti di questa moto.

FACILE DA SUBITO - Il rendimento della forcella è migliorato molto. La maggiore scorrevolezza si traduce in un minore indolenzimento ai muscoli degli avambracci. Forse la taratura di base è un po' morbida ma questa scelte permette di guidare senza affaticarsi. L'ultima nota positiva riguarda la posizione di guida, da sempre un punto di forza delle Honda da cross. In sella si sta comodi, ogni superficie di contatto tra moto e pilota è curata in modo maniacale e l'imbottitura della sella è morbida senza risultare eccessivamente cedevole.

CRF450RX… UNA BESTIA - Salendo sulla versione RX (quella dedicata all'enduro) ci si rende subito conto che la somiglianza con il modello cross è notevole. La moto è maneggevole, a volte fin troppo Nei fettucciati in cui l'aderenza abbonda andare forte è abbastanza facile, anche perché c'è ancora più trazione a disposizione, per merito di un motore che ha un'erogazione meno brusca. Purtroppo quando il grip scarseggia la gestione del motore, comunque molto potente, diventa affare per piloti molto esperti.