Integra e NC 750 X DCT rappresentano l’anello mancante tra scooter e moto. Entrambi i modelli sono dotati di una trasmissione automatica a doppia frizione: l’Integra è disponibile nella versione “base” a 9.390 Euro e in quella S, che differisce per la colorazione, a 9.490 €. La NC 750 X DCT costa 8.390 Euro, esiste anche la versione base priva della trasmissione automatica a 7.390 Euro.

COLPO D’OCCHIO - Rispetto al passato, lo scarico e la parte posteriore del complesso portatarga è ora più ammaliante e filante. Modificata anche la porzione anteriore che beneficia del gruppo ottico a led e di un parabrezza più esteso per la NC. Buone le capacità di carico per la NC 750 X che nella zona del finto serbatoio ospita un capiente vano portacasco. L'Integra è disponibile in due versioni, la base con colorazioni bianco, grigio e nero, la S con due tonalità di grigio. Per la NC 750 X DCT ci sono invece cinque soluzioni cromatiche, nero, rosso, blu e due tonalità di grigio. 
La strumentazione è comune alle due moto ed è completamente inedita. Si tratta di un’unità digitale multifunzione personalizzabile in molte soluzioni. Vengono visualizzati: tachimetro, contagiri, due trip, contachilometri, orologio, livello carburante e consumo medio. 

COME SONO FATTI - Il telaio è un traliccio con conformazione a diamante realizzato in tubi d’acciaio. Il reparto sospensioni vede l’arrivo di una nuova forcella denominata SBDV più sensibile sulle piccole asperità e al contempo con maggior sostegno se sollecitata a fondo, il mono posteriore ha invece il precarico della molla più agevole. Migliorie anche all’impianto frenante con sistema ABS, che dispone di una differente pinza anteriore. Il propulsore guadagna l’Euro-4 senza per questo perdere in performance o consumi. Il vero elemento distintivo è la trasmissione DTC, ulteriormente perfezionata per il 2016. Ci sono cinque modalità selezionabili più una “fantasma” gestita in proprio dalla centralina. 

COME VANNO - Integra conquista immediatamente fin dai primi metri, facile nell’approccio, trasmette una sensazione di sicurezza e stabilità che difficilmente si trova nei maxiscooter. Il rovescio della medaglia risiede nella maneggevolezza alle andature bassissime, dove la conduzione richiede un minimo di impegno rispetto ai rivali con ruote più piccole. È comunque nell’extraurbano che l’Integra prende le distanze dai rivali diretti, regalando rigore direzionale e capacità di piega a prova di guida sportiva. L’NC è altrettanto facile nell’approccio e si dimostra efficace sia tra i semafori che nelle curve veloci.. 

Il servizio completo, sul prossimo numero di In Moto!