Roland Sands è uno dei “guru” del mondo special. Le sue creazioni hanno fatto bella mostra nei raduni e nei saloni di tutto il mondo e dopo tanti anni al vertice del settore, il 41enne americano ha ancora voglia di stupire. Nelle ultime settimane l’ha fatto con la RSD Scout, una special su base Indian Scout realizzata per il Wheels&Waves, il più grande e importante raduno europeo del genere, andato in scena nei giorni scorsi a Biarritz. 

ROSSO E ORO - E’ piuttosto retrò nelle scelte grafiche, questa special: è ispirata, infatti, alle Indian che furono grandi protagoniste sulle piste degli Stati Uniti dagli anni Venti agli anni Cinquanta. C’è il rosso tanto caro alla Casa costruttrice (e spesso utilizzato nei modelli standard), nella moto di Sands e anche molte foglie d’oro a risaltare molti particolari. Già, ricorda, perchè della moto di serie, è rimasto ben poco. Ovvero solo il motore, che è stato comunque rivisto per aumentare le prestazioni.

ISPIRATA AL PASSATO - Richiami al passato sono visibili nel disegno e nelle geometrie della forcella, nel forcellone ma anche nel parafango posteriore, che ricorda i “missili” da record di velocità sul lago salato.  Lo scarico è stato realizzato artigianalmente in acciaio, la sella è rigorosamente monoposto “old style” in cuoio e lo stesso materiale è stato utilizzato per le manopole. Sui cerchi dorati a sette razze, sono stati montati due pneumatici tassellati e impianto frenante moderno, a disco sia davanti che dietro.