La 75° edizione di EICMA va in archivio con tanti record e si conferma lo showroom dedicato alle due ruote più importante del mondo e punto di riferimento, sia per presenza di pubblico, sia per numero di espositori, sia per numero di operatori e media.

EICMA, quest’anno, ha registrato un numero record di presenze. Gli organizzatori non hanno rilasciato il numero degli ingressi, ma hanno dichiarato che rispetto all’edizione del 2015 (comparazione sulla biennalità), il pubblico è cresciuto del +24%. Se allora si era parlato di 600.000 visitatori, i conti sono presto fatti, con un incremento a due cifre concreto e tangibile che parla da solo dell’accoglienza delle oltre 150 novità e anteprime mondiali presentate a EICMA in questa edizione.

I NUMERI - Incremento significativo anche del numero di espositori presenti che, tra diretti e indiretti, si sono attestati a 1.713, con un +20% rispetto al 2015, provenienti da 42 paesi. Ben il 61% delle aziende espositrici rappresenta l’estero. Il dato è confermato anche da un aumento dell’occupato netto pari a +15%. La partecipazione degli operatori del settore ha registrato un importante aumento a due cifre degli operatori esteri (+28%). Risultati straordinari che confermano quanto la strategia delineata dal Presidente di EICMA, dai dirigenti e da tutti gli associati e produttori del settore, sia vincente; fondata su un’attività innovativa di comunicazione che punta all’internazionalizzazione. Un percorso iniziato 103 anni fa e che ha portato oggi l’Esposizione a diventare un punto di riferimento privilegiato del mondo delle due ruote e un modello di successo da esportare.

EICMA DEI RECORD - Abbiamo intervistato il presidente di EICMA Antonello Montante e gli abbiamo chiesto quali sono i punti di forza e le novità di EICMA 2017.

“E’ un EICMA sempre più internazionale, ed è ormai l’unico parco-esposizione delle due ruote nel mondo”, ha detto Montante. Prima c’erano altri concorrenti, come Intermot di Colonia, che ora non sono più competitor il nostro Salone ormai si tiene ogni anno e le imprese vedono EICMA come un’organizzazione che le accompagna ogni giorno dell’anno nelle loro esigenze, anche a livello istituzionale. E poi anni fa ci siamo inventati il Fuorisalone,  che quest’anno è sempre più: quest’anno siamo presenti da due mesi a Londra da Harrods, siamo a Berlino, siamo a Tokyo, e Milano è in festa, dalla Rinascente al quartiere Isola in Piazza Duomo. Un palinsesto di oltre 150 eventi per una settimana, ventiquattrore su ventiquattro, consacra Milano come capitale della Moto. Si registra anche un incremento esponenziale di visitatori e espositori: quest’anno abbiamo 1650 brand: e non è un mero elenco. Ad ogni marchio corrisponde uno stand, ed è veramente interessante vedere che cosa significa un Salone con 1.650 espositori.

 “L’Esposizione Internazionale del Ciclo Motociclo si conferma l’evento più importante al mondo per l’intera filiera industriale delle due ruote. I record registrati in questa 75° edizione la rendono la migliore degli ultimi decenni sotto tutti i punti di vista: numero espositori presenti, superficie occupata, operatori e affluenza di pubblico. L’Esposizione conferma Milano come Capitale Mondiale delle due ruote. Un modello sinonimo di eccellenza, del saper fare italiano, che rappresenta oggi una realtà e una ricchezza per l’intero Paese”, ha concluso Antonello Montante, Presidente di EICMA S.p.A.