Con un motore 4 cilindri a V strettamente derivato dal Desmosedici che corre in MotoGP, la nuova Panigale V4 rappresenta un'importante pietra miliare nella produzione della Casa bolognese. Tanta tecnologia a bordo e numeri da brivido: 1.103 cc, 214 CV e un rapporto potenza-peso pari a 1,1 CV/Kg. Tre le versioni proposte: Panigale V4 "standard", Panigale V4 S e l'esclusiva Panigale V4 Speciale in serie limitata.

FINO A 226 CV - Base comune per tutte e tre è il motore Desmosedici Stradale, un V4 di 90° a distribuzione Desmodromica con albero motore contro rotante e ordine di accensione “twin pulse” capace di esprimere una coppia robusta già dai bassi e medi regimi, che raggiunge il suo massimo di 123,5 Nm a 10.000 giri/min. Il picco di potenza, invece, è di 214 CV a 13.000 giri/min, che possono diventare 226 utilizzando lo scarico racing completamente in titanio, realizzato da Akrapovic su specifiche Ducati Corse.

OPERAZIONE BILANCIA - Volendo contenere al massimo il peso della moto, Ducati ha sviluppato per la Panigale V4 un inedito telaio denominato “Front Frame”. Più compatto e leggero di un telaio perimetrale sfrutta il motore come elemento stressato della ciclistica. Questa soluzione ha consentito di mantenere una buona rastrematura nella nella zona di raccordo tra sella e serbatoio per agevolare i movimenti del pilota durante l'azione di guida. Un’attenta progettazione e l’uso di materiali leggeri ha permesso di contenere il peso kerb (ovvero in ordine di marcia con il 90% del carburante) in soli 195 kg per le versioni “S” e Speciale.