Esattamente cento anni fa, l'architetto tedesco Walter Gropius fondò la Staatliches Bauhaus, una scuola d'arte la cui filosofia era basata sul concetto di "opera d'arte totale". L'istituzione diventerà incredibilmente influente in tutti i settori dell'arte e del design e, sebbene abbia chiuso ottanta anni fa con la Seconda Guerra Mondiale, i suoi studenti ne hanno diffuso la filosofia in tutto il mondo.

PERCHE’ BAUHAUS 100 - Per celebrare il centenario della Bauhaus, BMW ha commissionato all'artista e customizer Rolf Reick di Krautmotors la realizzazione di una moto che costituisca un omaggio a tutti i rappresentanti della scuola. E’ nata così la "Bauhaus 100", una combinazione dell’antico e del nuovo di BMW: un tributo che, al contempo, vuol essere un capolavoro.

La moto, presentata in anteprima all’evento BMW a Garmisch, è un’esplosione di creatività, con una combinazione di elementi retrò e moderni distintivi. Le sue caratteristiche minimaliste si traducono in una reinterpretazione artistica della leggendaria serie 5 del 1969.

La special ha richiesto circa un anno e mezzo di lavoro: i primi schizzi sono stati fatti a Natale del 2017, la costruzione è iniziata a partire da gennaio dello scorso anno e il completamento è stato ultimato lo scorso luglio.

 AUTOCOSTRUITA - Rolf Reick, e in generale Krautmotors, lavora prevalentemente da solo, autocostruendo la maggior parte dei pezzi speciali. Per la Bauhaus 100 ha costruito la forcella, il serbatoio, lo scarico e la sella e ha modificato completamente un telaio della R60/6, allungandolo e allargandolo per richiamare la classica poltrona da salotto di Marcel Breuer, studente al Bauhaus dal 1923 al 1928. Jochen Lehmann ha finalizzato i lavori di saldatura secondo i disegni di Rolf. Il mastro carrozziere di Malsch in Baden-Württemberg è specializzato in disegni personalizzati fatti a mano. Christoph Liepelt e Marco Rose di BMW Motorrad hanno supportato la realizzazione con il cablaggio. Rolf è un perfezionista, anche se questo richiede un protrarsi dei tempi di lavoro. "Non importa se ci hai lavorato per una settimana o un mese: se non funziona, devi liberartene e ricominciare da capo”, spiega Rolf, che è un customizer per vocazione e ritiene il suo lavoro una combinazione di artigianato, design e libertà artistica. “A differenza del design, non devi giustificare ogni decisione, puoi semplicemente andare con il tuo istinto. E dal momento che mi piace lavorare con le moto, le ricostruisco. Questo è ciò che caratterizza Krautmotors: non deve rispondere a nessuno".

CON IL MOTORE BENE IN VISTATutti sono stati d’accordo fin dall’inizio che il progetto sarebbe stato il modo perfetto per mettere in mostra il nuovo motore della BMW F850 GS. I moderni motori con raffreddamento ad acqua e un'enorme quantità di componenti elettronici non rappresentano però la soluzione più semplice per una custom. Per bilanciare la tecnologia avanzata della trasmissione, Rolf è tornato indietro nel tempo e ha scelto una BMW R60/6 come base per il telaio.

IN GARA - La moto, anche se funzionante, è progettata principalmente come mezzo da esposizione. Vista la passione di Rolf per le corse, tuttavia, la Bauhaus 100 farà il suo debutto nelle corse con la StarrWars, una gara di pura accelerazione, sul tracciato ovale di sabbia per il flat track di Neudeutsch.