La partnership fra Harley-Davidson e il produttore di moto elettriche Alta Motors si è avviata soltanto sei mesi fa ma sembra essere già al capolinea. A riportare il sospetto è il sito Asphaltandrubber.com, che tramite le proprie fonti avrebbe scoperto l’astensione di Harley-Davidson dal progetto motociclistico congiunto con Alta, ritirandosi dal suo coinvolgimento nella startup di San Francisco.

Per Alta, ciò significherebbe perdere il sostegno di un investitore strategico, quale Harley-Davidson. E d’altra parte, si sollevano interessanti domande sul percorso che Harley-Davidson voglia intraprendere nell’elettrico. Di fatto la LiveWire è ormai una realtà: le prime foto ‘live’ stanno già circolando in rete e la prima moto elettrica del gigante americano arriverà sul mercato il prossimo anno.

IL FUTURO ELETTRICO DI HARLEY - Alta Motors e Harley-Davidson si erano impegnate a collaborare su due modelli di moto che sarebbero state immesse sul mercato con il nome Harley-Davidson. Inoltre, la piattaforma di almeno una di quelle moto servirebbe da base per la prossima linea di motociclette di Alta.

E’ evidente che Alta Motors dovrà trovare un altro partner. Per quanto riguarda Harley-Davidson, invece, ultimamente ha divulgato i suoi piani aziendali futuri: i progetti comprendono il passaggio a nuovi segmenti di prodotto (ADV e sport), lo sviluppo di due nuove piattaforme di motori, la creazione di una gamma di moto di piccola cilindrata e la formazione di una strategia aggressiva per i veicoli elettrici.

Harley-Davidson ha anche segnalato una geografia mutevole per l'industria motociclistica: con il mercato statunitense già saturo, e il mercato europeo calante nel suo complesso, c’è invece l'ascesa di regioni in via di sviluppo come l'India, il Sudest asiatico e la Cina. Per questo Harley-Davidson è intenzionata a spostare più della sua produzione oltreoceano e lo sviluppo di motocicli per quei mercati esteri è una parte fondamentale del piano.

Harley-Davidson punta ora anche al settore motociclistico elettrico: avendo progettato una bici elettrica a pedalata assistita, un ciclomotore e uno scooter elettrico, e anche una moto da strada di piccola cilindrata, il futuro di Harley-Davidson sembra dirigersi verso le due ruote elettriche. 

Ci si aspetterebbe che la Casa americana ipotizzi collaborazioni con un altro partner tecnico per i suoi futuri veicoli elettrici: Magneti Marelli ha già collaborato nella progettazione della Livewire, mentre Mission Motors è stata responsabile del suo prototipo. Ma potrebbe anche decidere di lavorare da sola sulle future moto elettriche. Del resto, ultimamente il marchio di Milwaukee ha fatto un grosso passo nel mercato indiano, senza nessuna partnership con aziende locali.
Harley-Davidson sta mostrando un cambiamento radicale nella sua strategia aziendale, e non è escluso che possa prevedere di andare da sola in India e con i veicoli elettrici. Non ci resta che attendere.