Un grande appeal tra gli appassionati di tutto il mondo, una gamma di prodotti che convince, strategie di comunicazione e vendita azzeccate. Sono solo alcuni degli ingredienti che stanno portando, anno dopo anno, la Casa bolognese ad affermarsi sul panorama mondiale come brand di indiscutibile successo.

SUCCESSO evidenziato dai numeri relativi all’esercizio finanziario 2017: la Casa motociclistica bolognese ha consegnato ai propri clienti 55.871 le moto (+0,8% rispetto al 2016), nonostante una flessione del mercato globale del segmento delle moto oltre i 500 cm3 pari al -3,5%. Il fatturato, a chiusura dell’esercizio 2017, ha raggiunto € 736 milioni, confermando il trend positivo degli ultimi 5 anni, che hanno visto un incremento di circa il 30%.

CLAUDIO DOMENICALI, CEO Ducati Motor Holding: “Questa importante performance conferma la validità della strategia di sviluppo prodotto intrapresa negli ultimi anni. Nel 2017 sono state gettate le basi per l’ulteriore sviluppo futuro dell’Azienda. Abbiamo lanciato sette nuovi modelli sul mercato e abbiamo presentato la Panigale V4, la prima moto Ducati prodotta in serie equipaggiata con un motore 4 cilindri, frutto del più alto investimento nella storia di Ducati destinato ad un singolo prodotto. Il 2017 è stato anche l’anno in cui la gamma Scrambler® ha visto il maggiore sviluppo. Ad EICMA è stata presentata la prima moto completamente nuova dalla nascita del brand Scrambler®: la Scrambler® 1100, che aggiunge una dimensione totalmente inedita al mondo Scrambler® , fatta di tecnologia, prestazioni, altissima qualità delle finiture, dimensioni e comfort da maximoto”.

ANDRÉ STOFFELS, CFO Ducati Motor Holding: “La qualità del risultato sottolinea l’alta profittabilità e resilienza finanziaria di Ducati”, ha commentato. “Tenendo in considerazione l’importante aumento degli investimenti destinati all’innovazione dei prodotti, all’espansione globale della rete vendita Ducati, alla digitalizzazione della nostra offerta e dei nostri processi e, non ultimo, il grande impegno nelle competizioni, abbiamo raggiunto un margine operativo del 7%”.